Giovedì, 23 Novembre 2017

    Ilva, Pd: «l'impegno di parlamentari e consiglieri per la qualità della vita di Taranto» In evidenza

    Il Partito Democratico di terra jonica, i parlamentari Michele Pelillo, Ludovico Vico ed i consiglieri regionali Michele Mazzarano e Donato Pentassuglia, esprimono tutta la propria soddisfazione in merito alla definitiva soluzione dello sblocco di 1 miliardo e 300 milioni di euro da parte della Magistratura da destinare a Taranto.

    Il Pd provinciale ribadisce il suo impegno per Taranto. «Un intenso lavoro durato questi lunghi anni, dall'approvazione del primo decreto del 4 giugno 2013,  approvando le leggi per Taranto, per salvaguardare i beni comuni della salute, del lavoro e dello sviluppo economico della città di Taranto e del suo territorio».
    Con la liberazione dei fondi della famiglia Riva, che arriveranno dalla Svizzera entro il 24 maggio 2017, «si darà piena attuazione al piano di ambientalizzazione e di innovazione tecnologica del processo produttivo dello stabilimento di Taranto.-fa sapere il Pd- Questo risultato è il frutto della determinazione, delle proprie convinzioni e delle proposte dei nostri parlamentari, dei consiglieri regionali e comunali e dell’intero gruppo dirigente del Pd, che credono nella politica e nelle Istituzioni e che hanno avuto la pazienza di superare momenti difficili e complessi. I risultati di oggi -spiegano dal partito- si aggiungono ad altri già acquisiti come: il rilancio del Museo Civico Martà, l'istituzione del corso di laurea in Scienze Aeronautiche presso il Dipartimento d’Ingegneria di Taranto, l’approdo delle navi da crociera al porto, lo smantellamento del sito di stoccaggio di rifiuti radioattivi della “Cemerad” di Statte, Il polo oncologico del Moscati».
    Tutto questo, «non è che l’inizio della realizzazione della nuova Taranto, -ribadisce il Partito Democratico- la battaglia continua, per la decarbonizzazione dell’Ilva, per la costruzione del Nuovo Ospedale “San Cataldo”, per dare un nuovo assetto urbanistico alla città vecchia, così come previsto dai progetti approvati e premiati, lo sviluppo del porto con la sua retro portualità. Il CIS (contratto istituzionale di sviluppo) è parte integrante delle leggi per Taranto, e del suo sviluppo, con una nuova prospettiva della qualità di vita».
    Il Partito Democratico, «con le sue donne e uomini, continuerà nel suo impegno nel far applicare le leggi, con l’utilizzo dei fondi stanziati, per dare una risposta alle migliaia di giovani e di cittadini che credono in un futuro migliore di quello che abbiamo avuto».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati