Giovedì, 23 Novembre 2017

    Ilva ed Eni, al via la visita della delegazione del Parlamento Ue

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Si terrà nelle giornate di martedì 18 e mercoledì 19 luglio, la visita a Taranto della delegazione della commissione Petizioni del Parlamento europeo.

    Gli eurodeputati approfondiranno le problematiche e i recenti sviluppi legati all'impatto dello stabilimento industriale dell'Ilva e della raffineria dell'Eni sulla salute dei cittadini e sull'ambiente.
    La Delegazione è composta dai seguenti europarlamentari: Cecilia WIKSTRÖM,(ALDE, SV) Presidente, Angela VALLINA DE LA NOVAL (GUE/NG, ES), Josep-Maria TERRICABRAS(Greens/EFA, ES), Aldo PATRICIELLO (PPE, IT), Andrea COZZOLINO (S&D, IT), Eleonora EVI (EFDD, IT).

    Il programma
    La visita istituzionale in Italia,doveva iniziare lunedì 17 luglio ma per problemi organizzativi l'attività è stata rinviata di un giorno. La delegazione sarà quindi accolta, martedì 18 luglio, in Prefettura dal Prefetto Donato Cafagna e dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e incontrerà una rappresentanza di cittadini per un breve scambio di vedute. Nella stessa mattinata, gli europarlamentari visiteranno gli stabilimenti dell'Ilva, dove incontreranno gli amministratori e i commissari dell'impianto. Nel pomeriggio, in Prefettura, gli eurodeputati incontreranno: esperti dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), il direttore generale dell'Agenzia Regionale Protezione dell'Ambiente (ARPA Puglia) Vito Bruno, la Commissaria alle Bonifiche Vera Corbelli, il direttore generale dell'A.S.L. di Taranto Stefano Rossi e i rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e USB. La delegazione vedrà anche rappresentanti delle Ong locali (Legambiente, Wwf, Peacelink, Taranto Lider). 
    Nella mattinata del 19 luglio gli eurodeputati visiteranno lo stabilimento dell'ENI di Taranto e incontreranno il direttore della raffineria Remo Pasquali, l'amministratore delegato Carlo Guarrata e i rappresentanti dell'Ong Legamjonici.

    “Per il MoVimento 5 Stelle si tratta di un’occasione importante per ribadire il fallimento delle misure di salvataggio dell’Ilva e la necessità di avviare, anche con il coinvolgimento dell’Unione europea e soprattutto dei suoi strumenti, un grande piano di riconversione produttiva del territorio. Si puo’ fare, si deve fare”, dicono le eurodeputate del M5S, Rosa D’Amato ed Eleonora Evi.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati