Lunedì, 20 Novembre 2017

    Lotta all’abusivismo, Confcommercio: «buono l’inizio, continuiamo così»

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Agosto nel segno della legalità. Gli ultimi interventi congiunti di controllo delle forze dell’ordine – sul Lungomare, in Città Vecchia e in alcune zone commerciali del capoluogo- finalizzati al contrasto all’esercizio abusivo del commercio hanno lanciato un primo importante segnale.

    Nei giorni scorsi sono state condotte diverse operazioni di controllo nei confronti di attività commerciali e di somministrazione e vendita di alimenti, con conseguente sequestro di merci ed in alcuni casi chiusura dell’attività.
    «Non è la risposta definitiva alla piaga dell’abusivismo commerciale, - fa sapere Confcommercio- ma è un messaggio chiaro che la Prefettura - con l’intervento congiunto delle Forse dell’ordine- e l’Amministrazione comunale – con l’Ordinanza sindacale e gli interventi della Polizia urbana- intendono far arrivare a chi intende continuare ad operare nell’illegalità. Un messaggio di cambiamento che nasce dalla consapevolezza che la lotta all’abusivismo commerciale è una strada obbligata per il ripristino della legalità e della sicurezza del territorio, oltreché una forma di tutela delle imprese in regola».
    A detta di Confcommercio, «non sarà una vittoria facile e duratura, l’abusivismo commerciale ha radici profonde non solo nella cultura di chi lo esercita e purtroppo del consumatore, ma soprattutto in quel sottobosco imprenditoriale che lo alimenta e che sviluppa una economia parallela a sei zeri, difficile da sconfiggere».
    È pur vero però, aggiunge, «che attraverso un serio piano di lotta si può contenere il fenomeno e che vi sono dei percorsi da mettere in atto per tenerlo ai margini delle aree urbane del commercio, dei centri storici e delle aree di pregio paesaggistico. D’altra parte – argomenta l'associazione- non è pensabile che un blitz, seppure condotto con grande dispiego di forze, possa scoraggiare chi giorno dopo giorno vive ai margini della legalità; un carico di merce sequestrata rappresenta un danno, ma non basta per far desistere chi non ha nulla da perdere».
    A detta di Confcommercio, «occorre agire con continuità e sistematicità. La prassi degli interventi spot che, tante volte nel passato ha caratterizzato l’azione della precedente Amministrazione, ha ampiamente dimostrato che non servono a nulla».
    Nei giorni scorsi i vertici di Confcommercio hanno avuto modo di incontrare i rappresentanti della nuova Amministrazione e da un primo confronto «è emersa una forte volontà comune di dare centralità e priorità alla lotta all’abusivismo attraverso una azione costante e ripetuta. - fa sapere l'associazione- L’auspicio è che si voglia concretamente pianificare -con il coordinamento della Prefettura di Taranto, come peraltro già emerso nell’ultimo Tavolo della Sicurezza- una strategia di lotta al fenomeno condotta con metodo e nel tempo».

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati