Lunedì, 20 Novembre 2017

    Ispezioni dei Nas nei Pronto Soccorso: «esito positivo»

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    Nei giorni scorsi, in più circostanze, il Comando Carabinieri NAS di Taranto ha effettuato un’ispezione presso tutti i Pronto Soccorso attivi presso le strutture della Asl di Taranto.

    «In occasione dei controlli, che si sono svolti in un clima di piena collaborazione istituzionale, - si legge in un comunicato- non è emersa alcuna anomalia. Le condizioni igieniche sono risultate adeguate e la conservazione dei farmaci presenti risulta pienamente rispondente alla normativa in materia. Non sono state rilevate criticità gravi in merito alla gestione del flusso delle richieste, nonostante questo risulti essere sostenuto in ciascun Pronto Soccorso, in particolare durante i mesi estivi».
    I NAS, inoltre, hanno verificato l’effettiva presenza in servizio del personale medico, infermieristico e degli operatori socio sanitari in turno, «non rilevando alcuno scostamento rispetto a quanto predisposto nei turni, né anomalie per quanto riguarda le timbrature. - fa sapere l'Asl- L’adeguatezza del personale assegnato ai Pronto Soccorso ha permesso a tali strutture di svolgere efficacemente le attività di competenza anche nel periodo estivo senza che fosse mai registrata una riduzione del setting assistenziale, nonostante in questa stagione si associ alla riduzione del personale effettivamente in servizio, dovuta alle ferie estive, una crescita del numero di pazienti che ricorrono ai servizi di medicina e chirurgia d’urgenza».
    Per avere un’idea della consistenza del lavoro che interessa i Pronto Soccorso e della crescita della stessa durante il periodo estivo, si consideri che nel corso del 2017, ad oggi, il Pronto Soccorso dello Stabilimento SS. Annunziata di Taranto ha trattato una media di 205 pazienti al giorno (il 6% dei quali in codice rosso), ma nel mese di agosto hanno avuto accesso alla stessa struttura in media 219 pazienti al giorno, con picchi di 260 al giorno, un incremento dovuto all’emergenza caldo, che ha indotto molti utenti, in larga parte anziani, a richiedere misure di prima assistenza, e alla crescita della popolazione assistita, a causa dell’afflusso di turisti nella provincia ionica e al temporaneo rientro di studenti e lavoratori fuori sede che trascorrono il periodo di vacanze presso le proprie famiglie.
    Tale crescita del numero di utenti che si rivolgono al Pronto Soccorso «non ha fatto registrare criticità dal punto di vista assistenziale, ma al limite, nelle giornate di accesso più intenso, uno scostamento dei tempi di attesa. - rileva l'Azienda Sanitaria Locale- I pazienti, comunque, sono stati adeguatamente gestiti grazie alle procedure del Triage avanzato, che permettono di individuare le priorità tra i pazienti in attesa, un sistema che dalla scorsa primavera, presso il Pronto Soccorso del SS.Annunziata, è stato integrato con un terzo infermiere in post-Triage (che si aggiunge ai due assegnati al Triage) con il compito specifico di attuare la prima assistenza secondo protocolli definiti».
    Inoltre, conclude l'Asl, «i tempi di attesa sono ridotti per i pazienti pediatrici e le donne in gravidanza in codice bianco o verde, interessati da casi di piccola traumatologia, in quanto per tali categorie di utenti è predisposto un “percorso veloce”».

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati