Lunedì, 20 Novembre 2017

    Riaprono i siti archeologici di “Taranto Sotterranea”: la città riscopre la sua storia

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Da settembre si riaprono alla fruizione pubblica i siti archeologici della Città di Taranto.

    Grazie alla volontà dell’Amministrazione Comunale di concerto con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, viene oggi inaugurato il percorso di archeologia urbana che illustra momenti importanti della storia greca, romana e medievale della Città.
    Il team dell’ATI “Taranto Sotterranea”, composta dalle Società Cooperative Ethra, Novelune e Polisviluppo, a cui è affidata la gestione dei siti per i prossimi 5 anni, ha presentato il programma di visite guidate, presso la Cripta del Redentore ubicata in Via Terni.
    Presenti anche la dott.ssa Antonietta Dell'Aglio, l’Assessore al Patrimonio Francesca Viggiani, l’Assessore al Marketing Territoriale Valentina Tilgher e l’assessore alla Cultura Franco Sebastio.
    «La possibilità di restituire alla fruizione di cittadini e turisti i siti, oggetto di un radicale intervento di restauro e valorizzazione, - si legge in una nota- è una ulteriore, formidabile, occasione di rilancio per Taranto e di consolidamento di un percorso di conoscenza delle principali linee evolutive dell'archeologia e dell'urbanistica antica, che potranno arricchire l'offerta culturale e turistica del territorio».

    Gli appuntamenti
    Ogni giovedi, dalle 9:30 alle 13:00, e ogni sabato sera, dalle 18:00 alle 21:00, saranno fruibili la Tomba degli Atleti di Via Crispi n. 2, la Necropoli di Via Marche, la Tomba a camera dipinta di Via Pio XII, la Cripta del Redentore di Via Terni.
    Tutte le domeniche invece, dalle 18:00, sono previsti itinerari tematici sempre diversi, dove a questi siti si aggiungeranno, di volta i volta, la Tomba a camera con porte lapidee di Via Umbria n. 132, la Tomba a camere dipinte di Via Sardegna, la Tomba a quattro camere funerarie di Via Pasubio, la Tomba a semicamera di Via Alto Adige e le strutture murarie di Età romana ubicate in Viale Virgilio n. 4. Inoltre, è previsto l'inserimento, negli itinerari, di altri luoghi meno noti e visitati, che raccontano la storia archeologica di Taranto: l'Acquedotto romano, le Mura greche, il Sacello romano dell'Ospedale Militare, i resti archeologici sparsi nel tessuto urbano moderno della Città. 
    Accanto alle visite guidate, sanno offerte a cittadini, studenti e turisti anche attività didattiche, laboratori di archeologia sperimentale, conferenze ed eventi culturali, momenti di musica e teatro, ciclopasseggiate, aventi sempre come soggetto ispiratore la storia archeologica della Città.

    Ticket
    Il costo del biglietto per visitare un sito è di 3 euro a persona ma sono previste delle agevolazioni: gli importi sono ridotti del 50% per studenti e giovani fino ai 18 anni, gruppi di turisti e over 70 anni. Per chi volesse visitare tutti i siti ma in giornate diverse si potrà acquistare un biglietto cumulativo al prezzo di 8 euro. Per i bambini fino ai 9 anni, l'ingresso è invece gratuito.
    Per partecipare agli itinerari tematici (prevista la visita ad almeno tre siti archeologici) il ticket è di 8 euro.
    L'Ati Taranto Sotterranea è anche disponibile, su prenotazione, per visite guidate in giornate diverse dall'apertura dei sito.

    Per una panoramica dei siti, si può consultare il sito www.tarantosotterranea.it  
    Per ulteriori informazioni, si consiglia di consultare i profili social di “Taranto Sotterranea”, chiamare al numero 347.6122488 oppure scrivere all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati