Giovedì, 23 Novembre 2017

    Minacce a una giornalista: ex responsabile Antiracket si difende

    Michele Cagnazzo, ex direttore dello sportello Antiracket, ritenuto responsabile di minacce aggravate nei confronti di una giornalista, replica alle notizie apparsa sulla stampa.

    “Apprendo con sconcerto ma con animo tranquillo, lo scempio e l’indecenza della notizia che mi riguarda e cercherò nei prossimi giorni non solo di capire ma di chiarire nelle sedi opportune la mia posizione, totalmente estranea nel merito dell'accaduto”.
    “Magari questa può sembrare un'autodifesa – spiega Cagnazzo- ma non lo è se si va a guardare oltre la becera notizia, ovvero nel merito, che nulla ha d'interesse pubblico se non un unico obiettivo: delegittimarmi. Nel merito ci ritornerò più avanti”.
    Quello che sottolinea Cagnazzo, “da uomo, marito, padre e poi professionista, impegnato da circa vent’anni nella lotta alla criminalità organizzata e mi dispiace se qualcuno non lo abbia compreso, che l’obiettivo era fermarmi, fermarci. - rileva- È notoria l'azione che stavamo svolgendo sul territorio in ambito antiracket e antiusura, abbiamo subito attacchi e abbiamo risposto in maniera inequivocabile ed incontrovertibile. Abbiamo cercato di risvegliare coscienze ponendo sul campo strategie contro racket e usura che qualcuno continua ad affermare che a Taranto questi fenomeni non esistono”.
    Ritornando nel merito, “qualcuno dovrà spiegarmi – commenta ancora- quale interesse abbia avuto a disincentivare l'attività giornalistica in materia di mafia, usura ed estorsioni con squallide minacce che non mi sono mai appartenute? L’attività della stampa e dei giornalisti rappresenta l'essenza del nostro stesso lavoro? Poi chiunque volesse inviare una minaccia, credo che non lo farebbe entrando in una posta munita di videosorveglianza e per di più facendo una raccomandata con nome e cognome e manoscrivendola? Questo credo che equivalga a fare una rapina e lasciare il proprio documento d'identità. Credo che tutti dovremmo porci questi interrogativi, come credo che non avessi bisogno di tale ingiustificata e becera pubblicità. La mia storia di uomo – aggiunge- è molto chiara, a torto o ragione. La mia storia è stata costellata di minacce di vario tipo e genere, ma ho sempre continuato mettendoci la faccia a rischio continuo della mia incolumità fisica (vedasi aggressione subita nel 2015) questo ne è un'incancellabile ed eterna testimonianza. Come diceva il compianto G. Falcone – conclude- "quando si entra in un gioco grande o ti ammazzano o ti delegittimano".

     

     

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati