Venerdì, 24 Novembre 2017

    Mercato in Piazza Lucania, architetti contrari: «bisogna trasferirlo»

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Il Consiglio comunale di Taranto sta per deliberare una proposta di “riqualificazione” dell'area mercatale di via Lucania. Il Consiglio dell’Ordine degli Architetti della provincia di Taranto chiede un confronto in merito.

    L’intervento di riqualificazione prevederebbe, spiegano gli architetti, «che l’area in questione, in cui da decenni sono stabilmente occupate in modo precario alcune strade e relativi marciapiedi con i banchi di decine di operatori commerciali, sia confermata definitivamente come area mercatale stabile benché tipizzata urbanisticamente non già appunto come area mercatale bensì come semplice strada pubblica». Inoltre, l’area mercatale, già contigua ad un edificio scolastico, dopo l’intervento di “riqualificazione“ «occuperebbe finanche ulteriore spazio a svantaggio proprio delle attività scolastiche, già rese complesse proprio per la presenza di un’attività non propriamente con esse compatibile».
    A tale proposito, l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Taranto ritiene che «l’area in questione, sebbene da anni presente nel quartiere e sebbene a servizio della comunità, non abbia avuto mai le minime condizioni per essere adibita a spazio mercatale né potrebbe averle anche dopo un doveroso intervento di riqualificazione atteso da anni di strade e marciapiedi».
    Il mercato infatti «necessiterebbe di essere trasferito in altro luogo del quartiere, magari provando anche a riprendere ragionamenti già formulati nel passato con gli operatori del settore, in quanto non si presta minimamente alle esigenze di un moderno e funzionale mercato rionale, non avendone spazi, caratteristiche strutturali, architettoniche ed igienico sanitarie», spiegano gli architetti.
    Inoltre «la presenza dei banchi del mercato a ridosso di vari edifici per civile abitazione e dei relativi marciapiedi antistanti contribuisce sensibilmente a fare perdere valore di immagine e conseguentemente commerciale agli immobili ed all’intera zona, penalizzando così i residenti ed i proprietari degli stessi».
    Infine, fanno sapere, «il mercato in questione, occupando da decenni un’area destinata dal vigente PRG a strada pubblica, quindi a servizi primari, non ha consentito un regolare sviluppo e completamento degli isolati in questione a tutto svantaggio della qualità urbana complessiva».
    Si ritiene pertanto, «che si debbano ricercare soluzioni alternative per l’allocazione del mercato di Via Lucania, riqualificando definitivamente l’area in questione a vantaggio dei cittadini residenti, dell’intero quartiere e soprattutto dei titolari delle attività commerciali presenti nel mercato».
    Il consiglio dell'Ordine degli architetti richiede quindi all’Amministrazione comunale di Taranto «di procedere ad un confronto con tutti gli attori sociali coinvolti, in primis con la categoria professionale per verificare tutte le possibilità perché possano convivano i diritti dei commercianti e dei cittadini residenti con il diritto di una città e di un quartiere in particolare di dotarsi di un mercato finalmente funzionale recuperando la qualità urbana ed abitativa di una importante parte di città».
    Si chiede poi all’Amministrazione comunale «di istituire un tavolo tecnico di confronto permanente per verificare lo stato di tutte le aree mercatali cittadine al fine di porre in essere tutte le strategie e le azioni utili per riqualificare le varie aree commerciali interessate», concludono.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati