Sabato, 18 Novembre 2017

    Il Ministro Delrio al Porto di Taranto: «molte aziende interessate al terminal»

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Era a Taranto, venerdì 29 settembre, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, per inaugurare al porto di Taranto, la "strada dei moli".

    "Ci sono molti contatti con aziende interessate a gestire il terminal del molo polisettoriale di Taranto, ma le aziende hanno bisogno della qualità delle infrastrutture", ha detto Delrio al taglio del nastro dell'opera, la terza infrastruttura che si completa dopo la piattaforma logistica e la banchina ammodernata del molo polisettoriale, dove operava Evergreen attraverso la Taranto container terminal (Tct), ora in liquidazione. Sarebbero interessati alla gestione anche gruppi internazionali.
    “È evidente - ha aggiunto il ministro - che migliorando questa qualità, la piattaforma logistica, i moli, la strada, i dragaggi, le banchine, l'accoglienza per le crociere, l'offerta può incrociare molto più facilmente la domanda. Continuando a lavorare e a sviluppare gli investimenti abbiamo certamente una potenzialità maggiore”.
    Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, ha anche partecipato al Convegno nazionale dei Propeller Clubs sul tema "Le nuove sfide del Mediterraneo. Le Autorità di Sistema Portuale ad un anno dalla riforma".

    LA STRADA DEI MOLI
    Il progetto prevede l’adeguamento, ampliamento e razionalizzazione della “strada dei moli” con l’obiettivo di realizzare un collegamento organico e funzionale dei siti del “porto in rada” con quelli del “porto fuori rada”.
    La strada sarà completa di viadotti e sovrappassi, tombini scatolari, muri di sostegno, cunette per acque di pioggia e delle reti di sottoservizi (illuminazione, rete elettrica, fognature e reti idriche).  In tal modo la “strada dei moli” assolverà anche le funzioni di dorsale di alloggiamento entro terra di fasci tubieri e cavidotti in polietilene delle varie utenze, il tutto regolamentato da idonea convenzione tra Autorità Portuale e Aziende interessate, finalizzata a soddisfare le esigenze di controllo e manutenzione dei sottoservizi.
    Tutto ciò consentirà di ottenere un effettivo beneficio nel comprensorio portuale: i mezzi al servizio delle attività logistico-commerciali potranno viaggiare su strada sicura, con tempi di percorrenza inferiori e possibilità di immettersi rapidamente sulla viabilità esterna, contribuendo a far conseguire miglioramenti di efficienza e produttività alle imprese operanti nel porto e segnatamente alla realizzanda Piattaforma Logistica Integrata.
    L’intervento per l’adeguamento, ampliamento e razionalizzazione della “strada dei moli” interessa tracciato stradale,illuminazione e reti elettriche, fognature e reti idriche.

    PIANO AMBIENTALE ILVA
    "Siamo soddisfatti. -dice commentando l'approvazione del Dpcm sul piano ambientale per l'Ilva- Il governo Renzi prima e ora il governo Gentiloni hanno investito molto su Taranto, sulla ripresa dell'Ilva per dare opportunità di sviluppo e di lavoro a questa area così importante e soprattutto in piena sostenibilità ambientale" e "sei anni per il completamento del piano non sono troppi, si tratta di lavori molto impegnativi che hanno una loro durata".
    Poi aggiunge: "vediamo i passi enormi compiuti. Ricordo quando ero sottosegretario la difficoltà ad avere i finanziamenti per questo piano di risanamento. Oggi abbiamo a disposizione molte risorse: significa più lavoro, significa più sicurezza, significa più sostenibilità e meno inquinamento".

    [ANSA]

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati