Sabato, 18 Novembre 2017

    Aeroporto Arlotta, sit in a Bari per la riattivazione dei voli

    Sit in, il prossimo 4 ottobre, sotto la sede della Presidenza della Regione Puglia a Bari, su iniziativa del Comitato pro Aeroporto di Taranto Grottaglie, al fine di chiedere l'immediata riattivazione dei voli passeggeri di linea dallo scalo jonico.

    «Le responsabilità gestionali del Gestore regionale Aeroporti di Puglia S.p.A. (al 99,40% di Regione Puglia) bloccano da tempo, nel nostro scalo nazionale civile di Taranto-Grottaglie, il traffico passeggeri di linea», spiega il Comitato Pro Aeroporto Di Taranto - Grottaglie (Benvenuti a Taranto, Paolozayd Costruttori di Pace, Progentes, Puglia Internazionale, Taranto Incontra, Ultimora,Il Pentagono, Movimento Aeroporto Magna Grecia).
    Le varie petizioni e manifestazioni tese al rispetto da parte della Regione, delle istanze del nostro territorio (con cui avevamo chiesto, tra l’altro, anche la nomina di un nuovo Gestore nazionale e le dimissioni dei responsabili del declino dello scalo jonico), e sistematicamente ignorate, hanno costretto il Comitato ad organizzare una serie di azioni in rapida successione.
    «Tutti ricordano le promesse, risalenti ad oltre un anno fa, da parte dello stesso Governatore della Puglia, Emiliano, che avrebbe garantito una prossima riattivazione dei Voli Passeggeri (oltre a tutte le altre tipologie di voli presenti normalmente in uno scalo aeroportuale) anche per Taranto, negli incontri avuti a Taranto e presso l'Aeroporto di Bari, alla presenza dei cittadini e persino dei loro rappresentanti istituzionali (evidentemente considerati meno che niente); - spiegano le associazioni pro-aeroporto- promesse mancate che stanno mettendo a serio rischio gli stessi indirizzi comunitari per il Diritto alla mobilità».
    Pare ormai evidente «la volontà del Gestore regionale AdP di tagliare fuori dai servizi pubblici essenziali di collegamenti aerei il nostro territorio, venendo contro gli impegni contrattualmente assunti nel 2003 con l’Enac. Lo Stato ha, infatti, concesso la gestione paritaria degli Scali pugliesi allo stesso Gestore richiedente (dopo attenta valutazione e studi), il quale senza i dovuti controlli, risulta completamente inadempiente nella gestione manageriale in rete dell'aeroporto di Taranto-Grottaglie nel "sistema aeroportuale pugliese" . Un disegno politico – rileva il Comitato- che favorisce il comparto passeggeri dei due unici Scali funzionanti in Regione: Bari e Brindisi, entrambi situati sulla stessa costa adriatica, riducendo ai minimi termini colpevolmente il nostro scalo individuato con la dicitura, inesistente nel diritto internazionale, di aeroporto industriale».
    Contro questa discriminazione economica della Comunità Jonica, «abbiamo avviato una serie di azioni, ad intensità crescente, che non si fermeranno finché non avremo la certezza del ripristino dei Voli passeggeri di Linea dal nostro Aeroporto in equa condivisione con i restanti Scali di Bari e Brindisi, ottenendo concretamente un adeguato piano di sviluppo Voli passeggeri di linea dello stesso», fanno sapere.
    A tal scopo, mercoledì 4 ottobre si terrà un sit in sotto la sede della Presidenza della Regione Puglia, a Bari, su iniziativa del Comitato, e con la presenza di soggetti istituzionali, (sono stati invitati tra gli altri, tutti i consiglieri regionali jonici).

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati