Sabato, 18 Novembre 2017

    "Avli, il contrario di Ilva": la musica per rilanciare l'immagine della città

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Si chiama “Avli, (il contrario dell’Ilva), perché la musica capovolge i cuori”, il progetto che ha vinto il bando nazionale SIAE “S'illumina”, aggiudicandosi il primo posto.

    Un titolo evocativo scelto per ribaltare l'immagine negativa che si ha di Taranto, attraverso la cultura. In questa caso la musica. L'idea è stata presentata dalla cooperativa sociale Lams (Laboratorio arte, musica e spettacolo) di Matera con sede operativa anche a Taranto, in partenariato con l’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.Paisiello”, l’Istituto Comprensivo “Vico-Deledda” di Taranto Tamburi, l’associazione “Noi e Voi onlus” Taranto Paolo VI e l’Associazione MusicaInGioco di Bari.
    Il progetto mira alla promozione di attività culturali nelle periferie urbane, come Tamburi e Paolo VI, utilizzando la musica come strumento socio-educativo. L'iniziativa è infatti rivolta ai bambini che vivono nei quartiere più difficili della città, ai carcerati e ai giovani laureati all’Istituto Paisiello.
    «Essere risultati primi in Italia è una notizia pazzesca che però sfugge alla città. Mi permetto di dire agli amministratori che non va bene. - commenta il direttore dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “G.Paisiello” Lorenzo Fico- Il progetto è nato dall'idea di riscattare la città e rilanciarne l'immagine, che è positiva ma non viene colta a livello nazionale. È un progetto di una portata straordinaria che deve avere la giusta visibilità».

    Sistema Abreu: il modello didattico
    Lams, capeggiato dal presidente Cosimo e dal maestro Giovanni Pompeo, opera nel campo socio-educatico e musicale dal 1989 impegnandosi in attività concertistica, nella formazione e nella promozione musicale dei giovani talenti attraverso concorsi, esibizioni e corsi. Dal 2011 aderisce al Comitato Nazionale del Sistema Abreu, portando questo modo di suonare e di produrre musica sia in Basilicata sia in Puglia, ed in particolare a Taranto già dal 2011.
    Proprio grazie al successo del progetto “Avli” si proseguirà l’esperienza tarantina dei nuclei musicali del Sistema Abreu, sulla scia di “Mani Bianche, artisti per Taranto”, la progettualità finanziata dal Dipartimento per la Gioventù, Presidenza del Consiglio dei Ministri appena conclusa, che ha dato vita a una vera orchestra giovanile guidata da giovani laureati del Paisiello di Taranto e formata da ragazzi di varie scuole pubbliche tarantine.
    Con il termine “El Sistema” si fa riferimento ad un modello didattico ideato e promosso nel 1975 in Venezuela da José Antonio Abreu, che consiste nel fare educazione musicale pubblica, diffusa e capillare, con accesso gratuito e libero per bambini e fanciulli di tutti i ceti sociali. Diffuso in tutto il mondo negli ultimi decenni, in Italia fu portato dal compianto maestro Claudio Abbado.
    Il Comune di Taranto dal 2011 è partner fondamentale del Lams e dell’Istituto Paisiello nella attività legate al “Sistema Abreu” assicurandone la sede nel Centro della Cultura per l’infanzia, in via Pisa.

    Le attività
    Sono diverse le iniziative in programma per il progetto “Avli”, illustrate in mattinata a Palazzo di Città, dal direttore artistico del Lams, Giovanni Pompeo.
    «Si lavorerà alle creazione di orchestre giovanili e infantili ubicate, l'una nel nel quartiere Tamburi presso l’Istituto Comprensivo “Vico-Deledda”, e l'altra nel Centro della Cultura per l'infanzia in via Pisa. - spiega il maestro Pompeo- Nascerà una band per Case Bianche a Paolo VI, grazie alla collaborazione dell’associazione di volontariato “Noi e Voi” di Don Francesco Mitidieri, insieme ai carcerati. Poi è previsto un concorso di composizione per l'infanzia, - prosegue- che vedrà i bambini non più destinatari passivi di una spettacolo, ma anche protagonisti. La musica quindi verrà scritta in funzione delle abilità tecniche dei bambini. Infine, il progetto conclusivo del progetto sarà “Opera kids”, fatta dai bambini per i bambini. Per quest'anno abbiamo scelto “La Traviata” di Giuseppe Verdi, che sarà rappresenta a fine dicembre a Taranto».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati