Sabato, 18 Novembre 2017

    Urbanistica e mobilitá, assessore Scarcia: «Taranto, territorio stuprato»

    Un ‘territorio stuprato’. È così che lo vede, e con due parole  lo descrive,  Sergio Scarcia, architetto e assessore alla Urbanistica e Mobilità del Comune di Taranto.

    Invitato in Confcommercio, l'assessore si é confrontato con il presidente provinciale, Leonardo Giangrande, ed i responsabili delle categorie del commercio, dei servizi e del turismo sulle quali maggiormente influiscono le politiche di pianificazione del territorio.
    Al tavolo, Scarcia, «nella sua doppia veste di referente di due settori strategici per la vita della città, ha potuto descrivere a volo radente i segni distintivi di una città che porta le cicatrici di una ‘antropizzazione spinta’ e soffermarsi poi sul metodo che nei prossimi mesi caratterizzerà il lavoro del suo assessorato», spiega Confcommercio.
    Un metodo «che dovrà portare a quel ‘disegno di città’,  che sia il risultato di un percorso partecipato, come si dice in gergo dagli stakeholder, e sintesi di una visione ampia che tenga conto del tutto (la costa, la campagna, le aree urbane) e che ricucia i pezzi di un territorio smagliato dalla mancanza di programmazione . Dunque, il confronto a più livelli che Scarcia sintetizza con 3C (Conoscenza/Condivisione/Concertazione)».
    Si partirà verso fine ottobre con una quattro giorni dedicata a Città Vecchia: un contesto urbano che ha attirato, con il Concorso internazionale di Idee promosso da Invitalia, studi e archietti di fama ma che richiede comunque che la città faccia le sue scelte tra le proposte presentate dai concorrenti. Contestualmente si è ripreso a ragionare del  DPP (Documento Programmatico Preliminare) propedeutico al PUG (il Piano Urbanistico Generale), percorso avviato dalla passata Amministrazione e fermo dopo la revoca dell’incarico al prof. Dino Borri, al quale era stato affidato l’incarico di redazione del Piano. Tra gli obiettivi primari, programmare la trasformazione della città sul mare in città di mare, valorizzare il rapporto tra il territorio e il mare e le sue attività economiche e produttive. Centrale in tal senso per Confcommercio il Piano delle Coste, uno strumento di pianificazione  fondamentale per lo sviluppo delle attività commerciali, turistiche e della pesca.
    «Per quanto concerne infine il Piano della Mobilità, -aggiunge Confcommercio- in assenza del quale si sono effettuate scelte negli ultimi anni fortemente contrastate dalle categorie del Terziario, esiste già un percorso avviato con il Piano di Area Vasta che attende solo di essere attualizzato e riportato ai cambiamenti ed ai nuovi bisogni del territorio, dunque la strada è stata tracciata e  non resta che da percorrerla».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati