Domenica, 25 Febbraio 2018

    Liste PD? Il segretario Mancarelli: “Sulla stampa solo indiscrezioni”  In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    “Le indiscrezioni apparse oggi su alcuni giornali non corrispondono allo stato della elaborazione in corso delle proposte di candidature del Partito Democratico per le politiche 2018 della provincia di Taranto”.

    È estremamente sintetico il comunicato stampa con cui il segretario provinciale del Partito Democratico, Giampiero Mancarelli, smentisce le notizie in merito alla chiusura del cerchio, in casa PD, sulla scelta delle candidature alle prossime elezioni politiche.

    A quali candidature fa riferimento il segretario? Secondo gli ultimi resoconti il PD avrebbe scelto i nomi di coloro che correranno alle prossime elezioni: si tratta di Lucio Lonoce (nel collegio di Taranto) e di Donato Pentassuglia (nel collegio di Martina Franca) per quanto riguarda la Camera dei deputati e di Maria Grazia Cascarano per quel che concerne il Senato (dove il collegio è unico e ricomprende sia quello di Taranto che quello di Martina).

    La decisione – stando agli articoli di stampa che oggi Mancarelli confuta - sembra essere stata presa da un triunvirato composto dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e dai consigliere regionali Michele Mazzarano e Donato Pentassuglia.

    Rispetto a tale modus operandi, oggi Mancarelli scrive:  “Ovviamente, un contributo importante alla definizione delle proposte non può che venire dai nostri rappresentanti istituzionali, ma non può essere questa la sede esclusiva della sintesi conclusiva che, in ogni caso, sarà avanzata agli organismi dirigenti nazionali che assumeranno la decisione finale”.

    Tutto da rifare? Quasi. Anche perché nelle ultime ore, un gruppo di iscritti del PD, che giudica positivo l’operato dell’onorevole uscente Ludovico Vico, ha firmato un documento per dire “no” all’esclusione di quest’ultimo dal novero dei candidati.

    Quello che sta accadendo a Taranto non fa eccezione rispetto alle dinamiche nazionali. Ieri sera infatti, Renzi ha annunciato di non voler essere ostaggio delle correnti nel comporre le liste e che quindi adesso deciderà lui anche stravolgendo accordi già intavolati. E questo quando mancano poche ore ormai alla presentazione delle liste.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati