Giovedì, 24 Maggio 2018

    Emiliano: “chiediamo gas meno caro per decarbonizzare l’Ilva” In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    La visita ieri a Bruxelles di Michele Emiliano, dove ha presenziato alla Conferenza delle Regioni, è stata l’occasione utile per tornare a parlare di due questioni alquanto spinose per i pugliesi: Ilva e Tap.

    Sulla prima questione, Emiliano ha dichiarato che: “La Regione è costretta a lavorare da sola, senza essere aiutata dal Governo Italiano”. Se ciò non bastasse, “Governo e Ministri fanno un vero e proprio ostracismo nei nostri confronti”.

    Parole dure, a cui il Presidente Emiliano ci ha oramai abituato. “Ci fanno passare come quelli che vogliono chiudere l’Ilva ed interrompere i lavori della Tap. Invece noi vogliamo tenere aperta l’Ilva assicurandoci però che rispetti l’ambiente e la salute, e vogliamo la Tap a patto che si sposti solo il punto d’approdo”.

    Tuttavia, dopo la scudisciata, Emiliano ha avanzato la sua proposta che, neanche a dirlo, coniuga i due impianti in un’ottica maggiormente ambientalista. “Alle Regioni che consentono il passaggio di gasdotti dovrebbe essere assicurata una riduzione dei costi del gas. Questa riduzione ci assicurerebbe una maggiore sostenibilità economica, e ci consentirebbe di accelerare i tempi per decarbonizzare l’Ilva, ottemperando a quanto già previsto dall’Accordo di Parigi”. 

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati