Martedì, 18 Dicembre 2018

    Tragedia in mare: oggi l'autopsia In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Sarà eseguita dal dottor Marcello Chironi, presso l’ospedale “SS.Annunziata”, l’autopsia sul corpo dello sfortunato Mauro Lioce, il 66enne tarantino morto nella rada di Mar Grande nella giornata di domenica scorsa mentre, assieme ad altre 4 persone, stava partecipando ad una regata velica organizzata dalla Lega Navale di Taranto.

    A disporre l’esame autoptico è stato il sostituto procure della Repubblica dottoressa Antonella De Luca, il cui intento è quello di far luce sulle reali cause del decesso dello sfortunato ingegnere tarantino.

    In aggiunta, la dottoressa ha emesso quattro avvisi di garanzia, ma al momento sembra per lo più un atto formale. Si ricorderà che l’uomo, nella mattinata di domenica scorsa, mentre partecipava ad una regata velica è improvvisamente caduto in mare mentre si trovava a bordo di un natante di 13 metri, di proprietà di una coppia di tarantini. Il 66enne, una volta finito in mare, non è più riuscito a farsi notare dalle altre imbarcazioni. La regata, immediatamente interrotta, si è così trasformata in una disperata ricerca dell’uomo, condotta assieme agli uomini della Capitaneria di Porto di Taranto. Sono poi stati questi ultimi, circa due ore dopo, a rinvenire la salma dell’uomo, trasportata dalle onde nelle vicinanze dell’isola di San Pietro.

    L’autopsia di oggi servirà dunque per capire se Lioce sia caduto in mare per un malore, tale da causarne il decesso, o se effettivamente lo sfortunato pensionato sia morto per annegamento.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati