Mercoledì, 18 Luglio 2018

    Detenuto da fuoco alla propria cella: le dichiarazioni della CGIL In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Dura presa di posizione dal parte della CGIL di Taranto la quale, con un comunicato, intende rendere noto a tutti quanti verificatosi la scorsa settimana all’interno del carcere ionico.

    La scorsa settimana – dichiara il sindacato - all’interno della Casa Circondariale di Taranto, si è nuovamente rischiata la tragedia. Un detenuto affetto da problemi psichiatrici ha difatti dato fuoco alla propria cella. La polizia penitenziaria in servizio in quel momento è riuscita, con estrema difficoltà, a mettere in salvo il detenuto ed ad evacuare in modo tempestivo la sezione, ormai satura di fumi tossici e con più di 50 detenuti presi dal panico e con un principio di intossicazione”.

    Il sindacato tiene inoltre a precisare che: “Nonostante la scarsità del personale gli agenti in servizio, coordinati dall’ispettore di sorveglianza e dal comandante di reparto, sono riusciti ad evitare che l’incendio potesse propagarsi per l’intera sezione detentiva”.

    Tuttavia, continua la CGIL: “La scelta dell’amministrazione nazionale e del ministero di ridurre le piante organiche in tutti gli istituti d’Italia, specialmente in quello tarantino, sta mettendo a dura prova il lavoro degli agenti e la sicurezza dell’intero sistema carcerario. Le condizioni di lavoro della Polizia Penitenziaria nella Casa Circondariale di Taranto sono ormai divenute insostenibili e molto difficili: turni di lavoro di otto ore anziché di sei, un modello organizzativo del personale inappropriato a garantire i livelli minimi di sicurezza ed il rispetto delle norme contrattuali, criticità riscontrate nell’area sanitaria del penitenziario e tanti altri problemi che stanno mettendo in ginocchio l’intero istituto.

    Il personale attende un cambiamento radicale ma sembra ormai una chimera. Questo ennesimo episodio di violenza – chiariscono dal sindacato - non può passare nuovamente inosservato, perchè è la conferma di quanto da tempo la FP CGIL Taranto sta denunciando a tutti gli organi competenti senza aver nessuna forma di riscontro. Vi sono inaccettabili condizioni operative durante i turni pomeridiani e notturni nei quali, sistematicamente, viene a mancare il personale per coprire i posti di servizio

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati