Sabato, 17 Novembre 2018

    Ilva, Matacchiera torna con un nuovo video-denuncia per il Governo In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Secondo Fabio Matacchiera, noto ambientalista tarantino, animatore del Fondo Antidiossina, il video realizzato ieri, domenica 1 luglio, “è sicuramente un metodo molto efficace per distinguere facilmente i vapori che si dissolvono in pochi secondi, dai fumi che, invece, persistono e si spostano in atmosfera anche per chilometri con i loro carichi inquinanti”.

    Un video immediatamente pubblicato sul suo canale Youtube cui fa da contrappunto un sottofondo piuttosto dark e che dovrebbe – nelle intenzioni dell’autore – essere indirizzato al Governo ed al Presidente della Repubblica affinché prendano atto delle emissioni che provengono dall’Ilva e che la città subisce.

    Il video, della durata di 2 minuti circa, però non aiuta i profani a distinguere in maniera scientifica quali siano gli inquinanti che provengono dai vari reparti e la loro pericolosità.

     

    L’obiettivo del “documento” tuttavia è quello di riaccendere i riflettori sulla “beffa – sono parole di Matacchiera – dell’immunità penale che è stata data ai commissari straordinari dell’Ilva di Taranto e, successivamente, anche ed espressamente ai nuovi acquirenti con il decreto legge 98/2016”.

    “Questo video – conclude l’ambientalista tarantino - è stato realizzato per dare maggiore vigore alle richieste di tutti gli ambientalisti e dei cittadini di Taranto che chiedono di fermare quella fabbrica e che non ne possono più di vivere in questo modo. I nostri ministri ed anche il nostro Presidente della Repubblica vedano questo video e si rendano conto che sotto quei fumi ci sono tantissime famiglie e tantissimi bambini che sono destinati ad ammalarsi”. 

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati