Giovedì, 18 Ottobre 2018

    Manduria, arrestato 37enne per omicidio stradale In evidenza

    I Carabinieri della Compagnia di Manduria (TA), al termine di una rapidissima indagine, hanno arrestato, con l’accusa di omicidio stradale, un 37enne di Torre Santa Susanna (BR).

    Ad incastrarlo sarebbero stati alcuni frammenti dello specchio retrovisore e del paraurti rinvenuti sul luogo dell’incidente, ma anche l’errore di essere tornato sul luogo dell’incidente. Così è finito in manette un 37enne di Torre Santa Susanna ritenuto responsabile dell’investimento, avvenuto la sera del 31 luglio scorso, di un 86enne manduriano che viaggiava a bordo della sua bicicletta lungo la provinciale 98 che collega Manduria ad Oria.

    Il sinistro si è verificato intorno all 19:00 di martedì. Il conducente dell’auto non si sarebbe – il condizionale è d’obbligo - fermato subito dopo l’impatto. L’allarme è stato invece lanciato da un automobilista di passaggio. Durante il trasporto in ospedale però, l’anziano non ce l’ha fatta ed è deceduto.

    I Carabinieri, dall’esame dei frammenti dell’auto ritrovati sul posto, sono riusciti ad accertare che lavettura coinvolta nell’incidente era una Toyota Rav4 di colore grigio scuro. Durante le indagini sono state quindi monitorate le autocarrozzerie della zona, le rivendite di pezzi di ricambio e gli autodemolitori, cercando anche di censire i proprietari di veicoli di quel modello residenti a Manduria e nei centri limitrofi.

    Ma una volta ritornati sul luogo dell’investimento per raccogliere ulteriori elementi utili alla ricostruzione dell’evento, i militari hanno notato transitare un autoveicolo corrispondente a quello ricercarto visibilmente ammaccato. Immediato il controllo del conducente subito sottoposto a perquisizione personale e veicolare.

    L’uomo, condotto in caserma per i conseguenti approfondimenti, dopo un iniziale tentennamento, ha confidato ai militari le proprie responsabilità circa l’investimento dell’anziano ciclista, riferendo che, dopo averlo travolto, si era fermato per sincerarsi delle sue condizioni e prestare soccorso ma, colto dal panico, al sopraggiungere di una passante, aveva invitato quest’ultima a chiamare i soccorsi e si era allontanato.

    Su disposizione del sostituto procuratore Filomena Di Tursi, il 37enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Il veicolo è risultato peraltro sprovvisto di copertura assicurativa e non in regola con la revisione.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati