Giovedì, 18 Ottobre 2018

    Distretto commercio, Unsic e Confartigianto: “Fase di stallo” In evidenza

    Dopo essere state inserite tra le associazioni che nei prossimi mesi dovranno animare il Duc, il distretto urbano del commercio, Unsic e Confartigianato evidenziano che l’iter sarebbe in una fase di stallo.

    “L’adesione – sottolineano le due associazioni - è giunta nelle scorse settimane a seguito dell’invito rivolto dall’assessore allo Sviluppo Economico e vice sindaco di Taranto, Valentina Tilgher. Si tratta di un modello, quello aperto alla partecipazione voluto dal Comune di Taranto, che riconsegna nelle mani del commercio e dell’artigianato locale il valore identitario della proposta commerciale di un intero territorio – spiegano ancora i referenti di Confartigianato e Unsic – e bene ha fatto l’assessore Tilgher ad allargare quel tavolo pensando a come Taranto possa descriversi meglio di fronte ad una platea più estesa, più eterogenea e più rappresentativa”.

    “Fin qui tutto bene – aggiungono le due compagini associative -, tranne per il fatto che al momento, dopo l’adesione delle due associazioni, sembra esserci un momento di stallo”. “Non abbiamo ancora ricevuto riscontro circa la nostra domanda di adesione – aggiungono -, ma siamo convinti che si potrà fare presto e bene”.

    Tuttavia, nella nota stampa, Unsic e Confargianato lasciano intendere che si sia persa un’importante occasione “considerato che proprio in estate il Duc avrebbe potuto mettere in atto una serie di piccoli e grandi accorgimenti che avrebbero rappresentato il primo banco di prova del settore, che ha bisogno si di strumenti, ma anche di una nuova collegialità nelle decisioni. Un punto di criticità che certamente non adombra però lo spirito dell’iniziativa voluta dalla Tilgher”.

    L’appello che infine le due associazioni rivolgono è a quei comuni dove si sta già lavorando a progetti legati ai Duc, ovvero Ginosa, Laterza, Massafra, Sava, Grottaglie, Manduria, Mottola, Castellaneta, Martina Franca, Statte e ai Comuni dell’Unione delle terre del mare e del sole. “Si allarghi quel tavolo – concludono - e si dia reale rappresentatività al mondo del commercio”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati