Giovedì, 16 Agosto 2018

    Fusco, il manager lo sceglierà il Teatro Pubblico Pugliese. Ecco i dettagli In evidenza

    By Marco RUFFO Agosto 08, 2018 508
    Foto Studio R.Ingenito Foto Studio R.Ingenito

    Il nuovo manager del Fusco lo sceglierà il Teatro Pubblico Pugliese attraverso una call pubblica. È questa la scelta dell’amministrazione comunale di Taranto che ieri, con un’apposita delibera di Giunta, ha sancito l’accordo. Ciò non vuol dire che la gestione del teatro verrà delegata ad altri soggetti. Resterà in capo al Comune che coordinerà e supervisionerà tutte le attività che consentiranno di mettere in piedi una stagione culturale di alto profilo.

    Sono questi in sintesi i contenuti emersi durante la conferenza stampa odierna convocata presso palazzo Pantaleo. Ad illustrare quanto è in cantiere sono stati l’assessore alla Cultura, Fabiano Marti, l’assessore ai Lavori pubblici, Massimiliano Motolese, il vicesindaco, Valentina Tilgher, e Carmelo Grassi, presidente onorario del consorzio Teatro Pubblico Pugliese, pronto a diventare punto di riferimento del consorzio in riva allo Ionio. È stata una sua specifica richiesta – ha riferito ai giornali – quella di essere delegato dalla struttura regionale ad assistere il Comune di Taranto nell’avvio delle attività che si svolgeranno presso il Fusco.

    Per il momento si tratta di una sperimentazione. Un fidanzamento prima del matrimonio vero e proprio, lo ha definito l’assessore Marti.

    Il vicesindaco Tilgher, fornendo qualche dettaglio ulteriore dell’accordo, ha spiegato che l’amministrazione comunale resterà titolare delle attività di pulizia, controllo e manutenzione del Fusco, ma provvederà anche – sulla base delle proposte che arriveranno al futuro direttore del teatro o delle scelte che quest’ultimo assumerà in prima persona – a definire il cartellone degli eventi. Nell’ambito di quest’ultimo troveranno sicuramente spazio gli spettacoli che fanno parte della rete di eventi selezionati e promossi dal Teatro Pubblico Pugliese. In più, ci sarà la possibilità di avere, grazie al consorzio, spettacoli unici nel panorama regionale in grado di attrarre spettatori dall’intera Puglia.

    L’accordo è a costo zero. E per il momento non sono state definite le modalità di gestione economica del Fusco. L’unico dettaglio più chiaro, al momento, riguarda le maestranze la cui assunzione spetterà al Teatro Pubblico Pugliese. Il modello è già collaudato – ha ribadito Grassi alla stampa. Si possono prendere, a titolo esemplificativo, i teatri di Lecce e Corato.

    Il nuovo manager che gestirà il Fusco dovrà avere competenze gestionali – ha affermato l’assessore Marti. Dovrà inoltre avere familiarità con le strutture teatrali. Sarà dirimente quindi l’esperienza acquisita in passato presso un teatro che abbia un bacino di utenza paragonabile alla città di Taranto.

    Il sogno di Marti è quello di poter aprire le porte del Fusco in concomitanza con Santa Cecilia, avvio della stagione dei festeggiamenti natalizi a Taranto. Si dovrà lavorare alacremente per realizzare questo obiettivo. Non dal punto di vista strutturale, stando alle parole dell’assessore Motolose che prevede la conclusione dei lavori per la fine di agosto. Questo permetterebbe di passare in breve tempo alla fase del collaudo e programmare i primi spettacoli dal novembre. Il lavoro più duro riguarda la programmazione culturale, ma Grassi si dice ottimista.

    In secondo luogo, l’auspicio dell’amministrazione è quello di poter dare impulso alla formazione di una vera e propria compagnia stabile made in Taranto che valorizzi le tante professionalità che la città esprime o che sia in grado di formarne delle nuove.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati