Giovedì, 16 Agosto 2018

    Stop dal Governo al bando periferie, ex Baraccamenti Cattolica a rischio In evidenza

    Riqualificazione dei Baraccamenti Cattolica a rischio? Il pericolo è concreto. Se sarà così lo capiremo a settembre quando la Camera darà il via libera al Milleproroghe.

    Il governo giallo-verde ha infatti tirato il freno a mano sul bando periferie, congelando per due anni i fondi stanziati dall'esecutivo precedente. La mannaia non riguarda tutti i progetti, ma solo i 96 per cui sono state stipulate le convenzioni  a novembre e dicembre. Sono salvi invece i 24 che hanno ottenuto l'ok a marzo.

    "Con una rasoiata  - sostengono dall'amministrazione comunale - , il Governo sta cancellando i fondi destinati al Piano Periferie, che grazie all’attivazione del partenariato pubblico/privato avrebbe attivato a Taranto un intervento da ben 10 milioni di euro, nella migliore delle ipotesi ora congelato".

    «La beffa di questa decisione - ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci - non è nemmeno necessario evidenziarla. Siamo vittime di una schizofrenia politica: le forze di governo, a Taranto, rivendicano chiassosamente la necessità di uno sviluppo alternativo, salvo tacere a Roma quando i fondi necessari a quell’obiettivo vengono cancellati».

    «Meno di una settimana fa abbiamo presentato il progetto definitivo - le parole dell’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Motolese -, annunciando addirittura l’avvio dei lavori in autunno. Ora questa doccia gelata, un emendamento del Governo che potrebbe basarsi su un presupposto errato, se è vero che la sentenza di Cassazione cui sarebbe ispirato non ha legami con il Piano Periferie. È un’occasione tradita, che potrebbe anche trasformarsi in un danno enorme perché saremo costretti a sostenere comunque le spese progettuali».

    Le speranze, ora, sono poste nei prossimi passaggi parlamentari dell’emendamento e nel fronte che la comunità degli enti locali saprà opporre. «Siamo disponibili a qualsiasi iniziativa dell’Anci - ha concluso Melucci - perché il problema è di dimensioni enormi. Dobbiamo fronteggiare la scarsità di trasferimenti dello Stato aderendo a queste misure, e lo stesso Stato le blocca: i cittadini meritano maggiore chiarezza».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati