Lunedì, 24 Giugno 2019

    Stop caporalato, la Regione si fa carico del trasporto dei lavoratori In evidenza

    Duecentocinquantamila euro per contrastare il fenomeno caporalato. É quanto ha stanziato la Regione Puglia per realizzare un progetto sperimentale di trasporto dei lavoratori agricoli sul posto di lavoro


    Positivo il commento di Antonio Trenta della Uil Agricoltura di Taranto: “Si tratta di un tassello importante che va ad aggiungersi alle azioni di lotta al pericoloso fenomeno che attanaglia il settore. Garantire con un finanziamento il trasporto dei lavoratori agricoli nel tragitto casa-lavoro è molto importante perché nella maggior parte dei casi i braccianti non hanno la possibilità di raggiungere le campagne con mezzi propri, soprattutto quando si tratta di donne e stranieri. E’ proprio per questo che auspichiamo anche la possibilità di riuscire a recuperare ulteriori risorse per il prossimo futuro, trattandosi di una misura importante e da non sottovalutare”.

     


    Il bando prevede che ciascuna impresa, se iscritta alla Rete del lavoro di qualità prevista dalla legge 199 del 2016, potrà richiedere, un contributo di 5 euro per ogni giornata di lavoro, per organizzare autonomamente o attraverso un contratto con aziende di trasporto autorizzate, sino a un massimo di 60 buoni giornalieri e di 26 giornate lavorative.

     


    “E’ evidente - prosegue Antonio Trenta - che la legge 199 sta dando i suoi frutti e che le forze dell’ordine stanno operando con efficacia”.

    Per contro, però, il sindacato dei lavoratori agricoli stigmatizza l’atteggiamento del Governo: “E’ assordante il silenzio del governo che, dopo la dichiarazione di guerra, fatta dal ministro Di Maio proprio a Foggia, ha fatto sparire dalla legge di bilancio il tavolo sul caporalato e non ha previsto nessuna misura di premialità per le aziende virtuose che rispettano il lavoro etico”.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati