Venerdì, 10 Luglio 2020

    Nave Palinuro a Taranto convince tutti: 《cambiare si può》

    By Emanuela Perrone Luglio 26, 2014

    Riscoprire tradizioni e culture legate al proprio territorio, valorizzando ciò che di buono la città può offrire. Lo chiedono da tempo i tarantini che proprio ieri sera ne hanno dato dimostrazione. Durante la prima giornata di sosta della Nave scuola Palinuro nel canale navigabile, con il meraviglioso Castello Aragonese ed il caratteristico Ponte Girevole a far da sfondo, i cittadini hanno riscoperto i valori unici ed autentici della propria terra. Hanno riassaporato la bellezza della città dei due mari, spesso ed impropriamente, associata solo alla grande industria.

     

    Ma Taranto è altro. Aldilà di quei camini c'è una comunità che vuole riscattarsi. Lo si legge nei volti di adulti e bambini, affascinati ed orgogliosi della propria città. Nonostante l'ormai forte e consolidato rapporto con la Marina Militare, ancora ci si emoziona alla vista di una nave, nel caso di ieri sera, un veliero pronto a partire per una campagna d'istruzione degli Allievi Marescialli.

    Ed è tanta anche la sorpresa dei turisti che giunti nel capoluogo jonico per trascorrere le proprie vacanze, hanno preferito toccare con mano le bellezze di questa terra spesso vessata, ma ancora ricca di storia. E lo hanno fatto senza pregiudizi, perché «Taranto è bellissima», dicono gli amici romani, veneziani, trentini e calabresi dopo la visita guidata al Castello Aragonese.

    «Portiamo a casa una bel ricordo della città. - aggiungono- Bisogna visitarla, esserci, per capire quanto sia importante salvaguardarla».

    Cambiare si può. O almeno, ci piace pensare che sia possibile.

     

     Lo speciale realizzato dalla redazione di cronachetarantine.it

     

    Vota questo articolo
    (2 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati