Venerdì, 10 Luglio 2020

    Stop Tempa Rossa a San Vito: la catena umana di chi non si arrende

    By Emanuela Perrone Luglio 27, 2014

    «Giù le mai dal nostro mare, Taranto libera». È il grido all'unisono che proveniva dalla spiaggia di San Vito. La campagna di informazione del Movimento “Stop Tempa Rossa- Il porto ai tarantini”, comincia a dare i suoi frutti.

     

    Dopo il primo appuntamento lo scorso 13 luglio a Lido Azzurro, questa mattina erano quasi il doppio i tarantini che si sono ritrovati su Viale del Tramonto.

    Anche questa volta, la catena umana è stato il simbolo della lotta di liberi cittadini che non intendono arrendersi a decisioni imposte da altri. A mani strette hanno camminato lungo il bagnasciuga portandosi dietro lo striscione dal messaggio chiaro ed inequivocabile.

    «Vogliamo veder nuotare i delfini, basta petrolio», è il commento degli aderenti all'iniziativa.

    Anche la gente che era lì al mare è stata invitata a partecipare. Sono stati infatti coinvolti tanti bambini, giovani e famiglie intere perché «il cambiamento riguarda tutti, indistintamente».

    Tra i tarantini sembra essere ormai diffusa la consapevolezza delle ipotetiche conseguenze che si ripercuoterebbero sul territorio se il progetto dovesse essere approvato. Motivo per cui, ad oggi sono oltre un migliaio le firme raccolte dal movimento contro l'insediamento di navi petrolifere nel Mar Grande. Nelle passate settimane, banchetti informativi nei mercati rionali e dibattiti pubblici hanno anche consentito di mantenere vivo ed attuale il problema Tempa Rossa.

    «Noi non molliamo. -dicono- Vinceremo questa battaglia».

     

    L'intervista a Mimmo Battista - Portavoce "Movimento STOP TEMPAROSSA"

     

     

    FOTO E VIDEO A CURA DI VideoM

    {gallery}TEMPA_ROSSA_SVITO:::0:0{/gallery}

     

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati