Lunedì, 21 Ottobre 2019

    Otto braccianti sfruttati a Ginosa: nei guai tre persone In evidenza

    Nuova operazione dei Carabinieri contro il fenomeno del caporalato. A Ginosa sono state denunciate tre persone per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Si tratta di un imprenditore di 62 anni del posto e di un 64enne ed un 29enne, entrambi stranieri, che svolgevano il ruolo di ‘caporali’.


    A subire le conseguenze del loro operato erano otto braccianti agricoli, di cui tre non assunti ed uno clandestino e dunque in procinto di essere espulso dall’Italia, costretti a raccogliere i pomodori per oltre 12 ore al giorno con una paga di 4 euro a cassone raccolto.
    Al datore di lavoro 62enne sono state contestate violazioni amministrative pari a 17 mila euro e comminate ammende per 40 mila euro. Nei suoi confronti è stata inoltre disposta la sospensione dell’attività imprenditoriale per irregolarità in materia di igiene e sicurezza.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati