Lunedì, 21 Ottobre 2019

    Al via la prima udienza del processo Spallanzani ter, ANMIL e Regione Puglia ammesse parte civile In evidenza

    ANMIL, insieme a Ona onlus, Contramianto e Regione Puglia, sono state ammessa come parte civile nel processo denominato “Spallanzani ter”.

    Durante la prima udienza si è tenuta questa mattina dinanzi al GUP Pres. Dott.ssa Rita Romano, inoltre, Romano ha motivato il rigetto della richiesta di esclusione formulata dalle Difese degli imputati Noce Sergio, Angelini Attilio, Chindemi Francesco, Muni Nicola, Salvatore Ettore, Loforese Pietro, Capogrosso Luigi, Negri Giancarlo, Greco Luciano , Buono Elio Imperiale Emanuele perché nella loro qualità di Dirigenti o titolari di ruoli apicali dell'Italsider poi Ilva spa, avrebbero esposto quattro lavoratori al rischio amianto, non prevedendo l'assegnazione e l'uso di DPI, non formando né informando il lavoratore sul rischio amianto, pur adibendolo a lavorazioni che lo esponevano a polveri di amianto e fumi. Lavoratori successivamente deceduti a causa di un mesotelioma pleurico.

    Il Presidente territoriale Provinciale di Amnil, Emidio Deandri, a margine dell’udienza ha ribadito l'impegno dell'Associazione in favore di tutte le Vittime del Lavoro, si è detto particolarmente soddisfatto di questo ulteriore risultato in favore dell'Associazione già presente come costituita parte civile nel processi “Spallanzani + altri” e Spallanzani bis”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati