Domenica, 07 Marzo 2021

    Emiliano: “Province Bat e Foggia tornano gialle. Guardia alta per evitare aumento casi”

    In un post pubblicato su Facebook nella tarda serata del 13 dicembre, il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano ha annunciato che le province di Bat e di Foggia tornano in zona gialla, come il resto della regione.

     

    “I segnali di miglioramento si stanno progressivamente consolidando”

     

    “Stiamo verificando con i sindaci di Gravina ed Altamura i dati di questi comuni della città metropolitana di Bari per decidere se prorogare o meno. La nostra regione, che non è mai entrata in zona rossa, è stata colpita dalla seconda ondata più tardi di altre regioni, ma con numeri altissimi pari a 67 mila contagi a fronte di soli 5 mila della prima ondata. Oggi possiamo dire che i segnali di miglioramento che avevano già portato il Ministero della Salute e l’ISS a riclassificare tutta la Puglia in zona gialla la settimana scorsa, e che sono state confermati con l’ultimo report di monitoraggio, si vanno progressivamente consolidando e interessano ormai tutte le province”.

     

    “Per tenere bassi i contagi dobbiamo mantenere alta la guardia”

     

    “Si riducono i contagi e si riducono i ricoveri e questo grazie al rispetto delle misure restrittive, nonostante i sacrifici che hanno comportato: noi continueremo a monitorare strettamente la situazione, comune per comune, ospedale per ospedale, come abbiamo sempre fatto, per essere pronti a intervenire se la situazione dovesse cambiare. Questo è però un momento delicato: se vogliamo che la curva dei contagi continui a scendere e, soprattutto, se vogliamo che non torni a salire, i comportamenti che ciascuno di noi terrà nei prossimi giorni sono decisivi.  Dobbiamo mantenere alta la guardia, rispettare le misure di prevenzione in ogni luogo, al lavoro, durante il tempo libero, in casa. Solo così potremo evitare di tornare alle limitazioni delle settimane scorse – ha concluso Emiliano -, o a misure ancora più stringenti, che sono devastanti per tante categorie produttive, e proteggere noi stessi e le persone più fragili a cui vogliamo bene”.

     

    Informazione Pubblicitaria
    Kyma ingombranti

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati