Domenica, 24 Gennaio 2021

    Mittal, incontro sindacati-azienda. La delusione di Uilm e USB

    Si è svolto nella giornata del 12 gennaio l’incontro tra le organizzazioni sindacali, Invitalia e ArcelorMittal per la presentazione dell’accordo sottoscritto il 10 dicembre scorso.

    Uilm: “Accordo blindato, registrata netta chiusura a negoziare su temi prioritari”

    “Dopo la riunione siamo ancora più convinti che sia necessaria una modifica radicale dell’intesa raggiunta da AMI e Invitalia. I nostri dubbi erano fondati. L’accordo appare blindato e ci sono difficoltà a proseguire il confronto. Abbiamo registrato una netta chiusura a negoziare su temi che riteniamo prioritari. È inaccettabile – ha aggiunto il segretario generale Rocco Palombella - che un’intesa, che stabilisce l’ingresso dello Stato attraverso Invitalia, preveda migliaia di lavoratori in cassa integrazione per i prossimi 5 anni e tempi troppo lunghi per la realizzazione del piano industriale”.

    “Dimenticato l’impegno a riassumere 1.700 lavoratori di Ilva in AS”

    “Invitalia e ArcelorMittal prevedono una fumosa garanzia occupazionale per i propri dipendenti entro il 2025, mentre dimenticano completamente l’impegno a riassumere i 1.700 in Ilva As. A questi lavoratori si aggiungono quelli dell’indotto per i quali non viene prevista nessuna forma di garanzia. È fondamentale il coinvolgimento diretto del Governo – ha concluso Palombella - per poter avviare un confronto senza pregiudiziali in grado di assumere misure indispensabili per la gestione di un piano che garantisca la salvaguardia ambientale e la tutela occupazionale per tutti i lavoratori”.

    USB: “Vogliamo piena occupazione e priorità al tema ambientale”

    “I dati “positivi” su produzione, spedizioni e qualità, e la rappresentazione fatta dall’azienda sulla situazione manutentiva e sui dati degli infortuni, stridono pesantemente con la realtà, che vede da una parte costantemente collocati in cassa integrazione quattromila lavoratori e dall’altra una situazione insostenibile dentro lo stabilimento, per quanto riguarda le condizioni di lavoro quotidiane. ArcelorMittal ha reso evidente ancora una volta tutti dubbi e le contraddizioni; l’unica certezza – hanno proseguito Sasha Colautti e Francesco Rizzo - è un utilizzo costante degli ammortizzatori sociali in un quadro di indeterminatezza, rappresentata da un piano lunghissimo, di cinque anni, basato oggi solo su intenti e dichiarazioni di interventi la cui fattibilità è però tutta da dimostrare.

    USB tiene ferma la sua posizione, pur non sottraendosi ad una trattativa che nei fatti si è aperta e che ci pone di fronte ad un soggetto che la nostra organizzazione sindacale considera arrogante e poco affidabile, al quale però il Governo ha deciso di garantire risorse economiche ed appoggio incondizionato. La nostra organizzazione rivendica un percorso di massima trasparenza e coinvolgimento. Non è possibile portare avanti alcuna discussione senza conoscere quanto sottoscritto tra azienda e Governo. Al tavolo, come USB, abbiamo posto con forza la necessità di veder garantita la piena occupazione e abbiamo dichiarato apertamente che il tema ambientale rimane una pregiudiziale su questa trattativa, trattativa che per noi dovrà necessariamente continuare attraverso tavoli nazionali ed in plenaria”.

     

    Informazione Pubblicitaria
    Kyma Mappa isole Città Vecchia

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati