Iscrizioni asili nido comunali: i genitori replicano all'assessore Ianne

Lunedì, 18 Luglio 2016 07:10

Il comitato “Io amo gli asili nido comunali di Taranto” risponde alle dichiarazioni dell'assessore all'Istruzione Cosimo Ianne, il quale commenta la notizia delle iscrizioni, riferendosi però solo alle 205 famiglie richiedenti la nuova iscrizione e tralasciando il dato dei riconfermati che sono in tutto 108, e vanno aggiunti al numero dei nuovi iscritti, per complessive 313 domande di iscrizione.

Ma quello che i genitori mettono in evidenza è che i due asili nido che l’Amministrazione Comunale aveva pensato di chiudere, sono risultati fra quelli che hanno ricevuto più domande di iscrizione. Il Magicondo al secondo posto - sugli otto attualmente funzionanti - con 57 domande di iscrizione (di cui riconfermati n. 13) complessivamente ricevute; al quarto posto lo Zero-tre, con 54 (di cui riconfermati n. 20). 

I servizi dati in gestione da attivare con finanziamenti PAC, proposti strategicamente all’utenza, in cambio della chiusura di due nidi comunali, hanno ricevuto, invece, pochissime domande di fruizione. Ci si riferisce all’offerto servizio di prolungamento dell’orario sino alle 18.30, che già era stato annunciato nel bando di iscrizioni per quattro sedi, richiesto in realtà complessivamente solo da una ventina (sui 313) di richiedenti l’iscrizione. Per questo servizio, in ciascuno dei 4 asili l’amm.ne aveva pensato ad un organico composto da 3 educatrici, un ausiliario, un cuoco ed un amministrativo. Lo stesso dicasi per il progetto delle fragilità, basato sull’ assunzione (sempre attraverso i progetti finanziati con i PAC) di un educatore professionale per ciascuna delle otto strutture. In realtà come risulta dalle graduatorie sono state presentate soltanto due domande di iscrizione per bambini diversamente abili.
Clamorosa poi la sorte toccata all’asilo nido ex comunale Baby Club, rimasto inutilizzato per qualche anno, dato in gestione a privati (sempre con finanziamenti PAC) a cominciare dallo scorso aprile. Il Baby Club è sparito al momento della pubblicazione delle graduatorie delle domande di iscrizione raccolte. «Pare che le domande siano state tanto poche, -rilevano i genitori- che la Direzione competente ha ritenuto inutile farne una graduatoria. Ricordiamo alla Direzione che le regole della trasparenza e del controllo democratico sugli atti della Pubblica Amministrazione, non prevedono questi percorsi per così dire “discrezionali”, e chiediamo ufficialmente che venga pubblicata la graduatoria con le domande presentate per l’iscrizione al Baby Club alla data del 30 giugno. Cioè la stessa scadenza prevista per gli asili nido comunali».
Ma soprattutto, aggiungono, «ci chiediamo come mai l’Assessore Ianne, così attento a far l’esame delle domande pervenute agli asili nido comunali, non lo sia altrettanto per i servizi che l’amministrazione ha deciso di privatizzare (impegnando finanziamenti pubblici)».
Il comitato si aspetta lo stesso regime di trasparenza riservato ai nidi comunali, sia applicato al nido affidato in gestione.
Tenuto conto del vero problema degli asili nido comunali della nostra città che sta nella carenza di personale, si chiede all’amministrazione di rivolgere una maggiore attenzione alle opportunità che si stanno aprendo con il decreto legge 113 del 3 giugno 2016 (misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali), così detto “enti locali”, e ai decreti che stanno per arrivare relativi alla legge 107/15. Ma, in particolare, «chiediamo alla Direzione Pubblica Istruzione e cultura di impegnarsi, nell’immediato, per tutti gli adempimenti preliminari di competenza, necessari alla Direzione Risorse Umane, per assumere le educatrici direttamente, con contratti a tempo determinato di formazione e lavoro. Strada, questa, che stanno perseguendo molte altre amministrazioni per tenere in vita i servizi comunali», concludono.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultime notizie

  • Aprile 25, 2017 Cronaca Redazione

    Tenta una rapina in una tabaccheria: fermato un 15enne

    Nel tardo pomeriggio di lunedì 24 aprile, intorno alle 19,00 i “Falchi” della Squadra Mobile, sono intervenuti in via Oberdan nei pressi di una tabaccheria dove era stata segnalata una rapina a mano armata ad opera di un giovane travisato.
  • Foto studio Renato Ingenito
    Aprile 25, 2017 Primo Piano Redazione

    25 aprile, Taranto celebra la Liberazione

    Si celebra il 25 aprile, il 72° Anniversario della Liberazione. 

Seguici su

Go to top