Accuse all'Abfo? Don Luigi Larizza fa chiarezza: «è stato un fraintendimento»

Giovedì, 04 Agosto 2016 10:49

Don Luigi Larizza fa chiarezza sulle recenti dichiarazioni rilasciate nel corso della trasmissione “Dalla vostra parte”, su Rete 4.

Durante la diretta tv il parroco, facendo riferimento all'associazione Abfo, ha fatto sapere che nel centro di accoglienza di via Lago di Montepulciano, le persone senza fissa dimora di Taranto sono state invitate a trovare un'altra sistemazione altrove, per far subentrare al loro posto gli extracomunitari. Affermazioni, subito smentite dall'Abfo, in seguito alle quali è scoppiata una polemica, che a detta di Don Luigi Larizza «è sbagliata. Si tratta di un fraintendimento. È uscito fuori il nome dell'associazione perché le persone bisognose a cui mi riferivo erano ospitate nel centro di accoglienza dell'Abfo. Ma non ho nulla contro chi lavora per la città. Con la famiglia Occhinegro siamo costantemente in contatto. Non per colpa mia- prosegue- è stata solo creata una montatura da parte di chi voleva che nascessero divisioni. Credo invece che bisogna essere coesi per esigere i nostri diritti». 

Poi ha aggiunto: «l'Abfo è obbligata a fare dei lavori di ristrutturazione per mettere in sicurezza la struttura. Motivo per cui ha invitato i suoi ospiti a trovare un'altra sistemazione temporanea. Finiti i lavori verranno riaccolti nel centro di accoglienza».
Nel frattempo, 16 cittadini sono stati accolti nella parrocchia Sacro Cuore. «Abbiamo comprato le reti ed i materassi. Io non mi sento di lasciare per la strada nessuno», fa sapere ancora Larizza che si pone contro l'amministrazione comunale, a suo dire latitante, e contro il Sindaco Ippazio Stefàno, «che non si è mai preoccupato di gestire questa emergenza».
«Se invece di essere cittadini italiani, fossero stati extracomunitari avremmo avuto la fila degli albergatori pronti ad accoglierli nelle loro strutture perché, si sa, agli immigrati vengono concessi 35 euro al giorno per i maggiorenni, 80 euro per i minori. Io ho rifiutato un milione e mezzo di euro, soldi che mi erano stati proposti per accogliere nella mia cooperativa sociale “Giovanni Paolo II”, 300 immigrati. Gli italiani, sono stati messi da parte».
Don Luigi Larizza, lancia dunque un appello ai politici locali e allo Stato: «chiediamo pari dignità, senza che ci siano distinzioni. Non ci dovrebbero essere poveri di serie A e poveri di serie B, ma tutti devono essere trattati alla stessa maniera. Il povero è una ricchezza. Come anche i bambini e gli anziani,vanno difesi, qualunque etnia essi appartengano».
Presenti all'incontro con la stampa, nella parrocchia Sacro Cuore, anche l'onorevole Giancarlo Cito, il consigliere comunale Tony Cannone e Alfredo Conti («sono un cittadino e sono impegnato nel sociale», ha detto per giustificare la sua presenza al tavolo dei relatori).
«Sono convinto che questo territorio non abbia la possibilità di accogliere tutti i profughi che arrivano a Taranto. - ha commentato Cannone- La mia posizione non cambia, non si tratta di cattiva volontà, semplicemente non possiamo. Don Luigi e l'Abfo sono operatori che lavorano per il bene della gente, ma chiediamo che ci sia pari dignità».

Cisberto Zaccheo, ex assessore del Comune di Taranto, che ha assistito alla conferenza, è poi intervenuto per far notare che il messaggio emerso nel corso della trasmissione è diverso da quello che Don Luigi vuol far credere e certamente lede l'immagine dell'Associazione che con tanto impegno e sacrificio lavora per i più bisognosi. Ha dunque consigliato a Don Luigi di ricontattare la redazione di Rete 4 per rettificare le sue dichiarazioni. 

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Ultime notizie

  • Luglio 24, 2017 Cronaca Redazione

    Incidente alla Baia D’Argento: deceduta la 23enne

    La 23enne, rimasta coinvolta nell’incidente stradale avvenuto nella notte tra sabato 22 e domenica 23 luglio in località Baia d'Argento, non ce l’ha fatta. Sei persone viaggiavano a bordo di una Lancia Musa che, per cause in corso di accertamento, è finita…
  • Foto di repertorio
    Luglio 24, 2017 Cronaca Redazione

    Sicurezza sulle strade: la Polizia intensifica i controlli

    Al fine di garantire la sicurezza sulle strade, la Polizia Stradale ha intensificato i servizi di controllo.

Seguici su

Go to top