Ilva, i sindacati chiedono incontro sulla gestione cassa integrazione straordinaria

Giovedì, 31 Agosto 2017 11:38
Foto di repertorio Foto di repertorio

Le organizzazioni sindacali di Fiom, Fiom, Uilm e Usb chiedono all'Ilva Spa un incontro urgente per discutere delle modalità e dei criteri di gestione con i quali viene attuata e gestita la cassa integrazione straordinaria.

La stessa, a detta dei sindacati, «sta diventando uno strumento utile ad Ilva per fare “cassa” senza verificare le reali necessità impiantistiche di produzione e di manutenzione».
Restano così «disattese e ignorate le denunce delle organizzazioni sindacali circa la mancanza di manutenzione sugli impianti oramai al limite, condizioni che mettono a rischio sia la salute e la sicurezza dei lavoratori che dell’ambiente circostante. Non da meno – aggiungono- le modalità attuali della CIGS, applicate sugli enti di servizi, influiscono negativamente sull’ormai ferme prescrizioni previste dall’Aia».
Non è garantita, a parità di funzioni e/o mansioni, una distribuzione equa della cassa integrazione che va così a pesare sempre sugli stessi. Tale situazione, fanno sapere i sindacati, «di fatto ha dimostrato e sta dimostrando che le condizioni di salute e sicurezza dello stabilimento, sono gravemente e nettamente aggravate».
In subordine a tale condizione, «non accettiamo il protrarsi di codesta gestione fallimentare e tanto meno un aumento dei numeri, che peggiorerebbero ulteriormente la tenuta dello stabilimento. - commentano- Non è più rinviabile pertanto un confronto, che sull’argomento avviene sempre a posteriori, per poter stabilire, così come comunicato dal Direttore dello Stabilimento, unitamente ai sindacati quali sono le reali necessita manutentive degli impianti e del conseguente utilizzo del personale».

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Ultime notizie

 

Seguici su

Go to top