Mercoledì, 25 Aprile 2018

    Vertenza Vestas, 300 lavoratori a rischio. La Fim “pungola” la politica

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    La Fim Cisl torna ad evidenziare le difficoltà della vertenza in atto con la multinazionale danese Vestas Blades. E lo fa all’indomani della notizia dell’approvazione della mozione che impegna la Regione Puglia a convocare urgentemente la task force per il lavoro.


    “Apprezziamo – si legge in una nota stampa - l’azione dei consiglieri regionali ionici, che in ultimo hanno portato all’attenzione del Consiglio regionale la delicata questione. La nostra richiesta è nota a tutti: certezze occupazionali, in relazione al futuro dei 333 lavoratori somministrati per i quali - ai tavoli fin qui consumati -abbiamo chiesto un percorso di stabilizzazione”.
    Le risposte tuttavia tardano a giungere, secondo il sindacato. L’azienda avrebbe fatto sapere di non voler confermare i lavoratori somministrati in scadenza di contratto. “Un atteggiamento davvero incomprensibile quello assunto dall’azienda” – sottolinea il segretario provinciale Valerio D’Alò.
    “Come verificatosi in altre circostanze – prosegue lo stesso -, il territorio ionico diventa terra di conquista da parte delle multinazionali che, dopo aver ricavato i propri utili, senza alcun indugio, disseminano disoccupazione. Motivo per cui insieme alla task force regionale abbiamo tenuto, il 13 febbraio scorso, una riunione con i rappresentanti di Vestas Blades, durante la quale abbiamo richiesto un incontro con i vertici della multinazionale danese. Incontro ad oggi non ancora programmato”.
    Ma il vero problema, stando a quanto afferma il rappresentante della Fim, è la mancanza di strumenti legislativi che tutelino il lavoro. Per questo alla Regione ora viene chiesto un impegno supplementare che vada oltre la convocazione del gruppo di lavoro deputato a reintavolare la trattativa: “Sollecitiamo nuovamente politica ed istituzioni affinché vengano individuati gli strumenti utili a garantire la trasformazione dei contratti di lavoro. Anche di questo occorrerà discutere ai futuri tavoli con la task force per il lavoro, ai quali la Fim Cisl intende offrire ancora il suo contributo costruttivo”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati