Giovedì, 20 Settembre 2018

    Polizia municipale, scontro su prolungamento dell’orario

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    La diffida inviata da Fp Cgil e Uil Fpl al dirigente della Polizia municipale preannuncia l’apertura di un nuovo fronte vertenziale. Al centro della polemica vi è il prolungamento dell’orario di servizio.  Secondo quanto affermato dalle organizzazioni sindacali, tale variazione sarebbe stata introdotta “su semplice sollecitazione verbale” da parte del dirigente preposto, “in via del tutto ufficiosa ed in assenza dei presupposti legali”.

    “Quanto accaduto – scrivono Anna Maria Marra (Fp Cgil) e Claudio Capobianco (Uil Fpl) -, se fosse vero, esporrebbe la pubblica amministrazione ed il dirigente in questione ad azioni giudiziarie stante l’assoluta illegittimità ed illiceità del comportamento serbato”. Per questo, le due sigle “chiedono che l’amministrazione ed il dirigente, in via ufficiale, smentiscano la condotta denunciata”. In caso contrario diffidano “l’ente Comune di Taranto ed il dirigente della Polizia Locale dal reiterare tale abuso e a non utilizzare i fondi del salario accessorio per la retribuzione della prestazione in quanto la materia del contendere non è stata mai inserita all’ordine del giorno, né contrattata in delegazione trattante”.

    Quest’ultima risulta essere stata convocata per il 10 settembre; tra i punti in discussione ci sarebbe proprio il prolungamento dell’orario lavorativo. All’incontro sono stati invitati anche il direttore generale e l’assessore alla Polizia Locale per meglio chiarire l’iter amministrativo che disciplina la materia. Che sia la volta buona per un chiarimento definitivo?

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati