Venerdì, 25 Settembre 2020

    A.Mittal, dipendenti appalto in sciopero per 24 ore In evidenza

    A partire da questa mattina è iniziato lo sciopero di 24 ore dei lavoratori dell’appalto di ArcelorMittal, proclamato da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. Alle 5 ha avuto inizio il presidio dinanzi alla portineria imprese. Sul posto anche le forze dell’ordine al fine di garantire la sicurezza. I sindacati sostengono ci sia stata un’ampia partecipazione all’astensione lavorativa. Alla base dello sciopero il licenziamento di più di 200 lavoratori appartenenti alla ditta Castiglia che si occupa di pulizie industriali e che da oggi non svolge più attività all’interno della fabbrica, essendo scaduto il suo contratto. A riportate la notizia è l’agenzia Agi.

    I dipendenti ormai ex Castiglia dovrebbero essere assunti dalle nuove aziende subentranti, ma le stesse hanno offerto una proposta ritenuta insoddisfacente dalle sigle sindacali. Le nuove ditte vorrebbero assorbire soltanto una parte dei lavoratori con un contratto multiservizi, cioè meno oneroso per le aziende, invece del contratto metalmeccanico.

    Intanto, c’è attesa per la convocazione dei sindacati da parte della regione Puglia, che potrebbe prendere in mano la situazione affinché sia trovata una soluzione definitiva. Non è da escludere un nuovo presidio dei dipendenti dell’indotto davanti Palazzo di Città nella giornata di domani, 2 ottobre. Ricordiamo che ieri c’era stato un sit-in di protesta davanti alla Prefettura.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati