Venerdì, 25 Settembre 2020

    Salvato il posto di lavoro di sette tarantine

     Sette lavoratrici non perderanno il posto di lavoro.


    Si tratta del personale della Prodest Taranto Srl, azienda che opera nell’ambito della sicurezza e dei servizi fiduciari aziendali, occupato nel servizio di guardiania del grande parcheggio di “Kyma Mobilità – Amat” ubicato nell’area degli “ex Baraccamenti Cattolica”, in via Di Palma a Taranto.
    Dai primi di giugno il parcheggio sarà interdetto all’utilizzo in quanto compreso nell’area “ex Baraccamenti Cattolica” interessata dai lavori del programma straordinario del Comune di Taranto per la valorizzazione urbana del sedime e degli edifici dismessi dalla Marina Militare.
    Conseguentemente le sette dipendenti della Prodest Taranto Srl, venuto meno dell’oggetto del contratto tra “Kyma Mobilità – Amat”, probabilmente sarebbero state licenziate.
    La soluzione, individuata dal management di “Kyma Mobilità – Amat”, è stata subito sposata dall’Amministrazione comunale: le sette dipendenti andranno a occuparsi del nuovo servizio di guardiania del parcheggio dell’Ex Mercato coperto, in via Anfiteatro.
    Dell’accordo si è parlato oggi (giovedì 28 maggio) in una riunione tenutasi, in videoconferenza, alla quale hanno partecipato il Vicesindaco di Taranto Paolo Castronovi, assessore comunale alle Società partecipate, l’intero CdA di “Kyma Mobilità – Amat” (il presidente Giorgia Gira, il vicepresidente Francesco Scarinci e la consigliera Anita Conversano) e il direttore Generale Massimo Dicecca, Massimo Procida della Prodest Taranto Srl, e i rappresentanti sindacali ci categoria: Paola Fresi della Filcams CGIL, Angelo Ferrarese della Usb, Francesco Crisante della Fiscacat Cisl e Giuseppe Fumarola della Uil Trasporti.
    Al termine il Vicesindaco Paolo Castronovi ha detto: «l’Amministrazione comunale è felice di esser riuscita a salvaguardare il posto di lavoro di queste persone, peraltro riuscendo ad attivare il nuovo servizio di guardiania nell’ex Mercato coperto, sollecitatoci da molti cittadini, a maggior tutela delle auto finora lasciate incustodite in un parcheggio».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati