Lunedì, 13 Luglio 2020

    Vertenza Teleperformance, istituzioni e sindacati contro «la giungla degli appalti»

    Nell'incontro svoltosi a Palazzo di Città a Taranto lo scorso 5 giugno, tra il Sindaco, le Organizzazioni Sindacali e i Parlamentari jonici, è stato definito un percorso comune sulla vertenza Teleperformance alla luce della scadenza dell'accordo sindacale del 2013.

    Era stato convocato dal sindaco Stefàno un incontro con i parlamentari ionici per individuare soluzioni concrete per tutelare i duemila lavoratori di Teleperfomrance, seconda realtà produttiva del territorio. All'appello del primo cittadino hanno risposto solo Donatella Duranti, Vincenza Labriola e Ludovico Vico. Le organizzazioni sindacali, nel corso della riunione, hanno sottolineato come,oltre alla deficitaria gestione aziendale, la crisi nasca dalla giungla legislativa sul tema degli appalti e della delocalizzazione(mancato rispetto dell'articolo 24 bis della legge n.83 del 2012). I partecipanti all'incontro hanno convenuto sulla necessità che il Governo intervenga sul quadro normativo e ne dia una definizione stabile e conclusiva. È stata affrontata la problematica relativa all'ipotizzata societarizzazione: il "territorio jonico", le sue Istituzione locali, i Parlamentari e le segreterie provinciali, «condividono un giudizio nettamente negativo in merito e, nel caso in cui l'azienda dovesse procedere con la societarizzazione,- è quanto emerso dall'incontro- i parlamentari si impegnano ad intervenire per ottenere un tavolo immediato dal Governo».
    Un altro aspetto riguarda la contrarietà alla riduzione contrattuale obbligatoria (in un contesto come quello di Taranto è impossibile pensare di tagliare i salari) e normativa (il riferimento delle norme è solo quello del CCNL,senza deroghe). Per contribuire a mantenere alta l'attenzione sulla vertenza, i Parlamentari presenti, a partire dalla prossima seduta, interverranno in Aula rilanciando la vertenza ed i suoi sviluppi. Per il contesto così complicato,Taranto non può permettersi di perdere un solo posto di lavoro.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati