Domenica, 19 Novembre 2017

    Taranto-Vibonese 1-2: Ora c'è la matematica. Il Taranto torna in serie D

     Il Taranto torna mestamente in serie D dopo appena un campionato di lega pro.

    Giusta la retrocessione diretta per una squadra tecnicamente mediocre e senza la giusta personalità per disputare certi tipi di campionati.
    Oggi ad espugnare lo Iacovone è stata la Vibonese che si è imposta per due reti a uno grazie ai gol, entrambi nel primo tempo, di Sowe su calcio di rigore e di Bubas in sospetta posizione di fuorigioco. Di Viola la rete dei rossoblù allo scadere della gara.
    È stata la sesta sconfitta consecutiva per i rossoblù, la quinta consecutiva allo Iacovone e  l'ottava delle ultime nove gare disputate.
    Numeri impietosi per una squadra che aveva come minimo obbiettivo quello della salvezza anche attraverso i playout.
    È stato decisamente un fallimento tecnico con dirigenti dell'area tecnica e calciatori protagonisti negativi in assoluto.

    LE DICHIARAZIONI DEI DUE TECNICI

    CAMPILONGO: "Risultato giusto - esordisce il tecnico campano in sala stampa - sul secondo gol posso dire che Boccadamo teneva in gioco il mio attaccante.
    Stiamo completando un vero capolavoro tecnico e ci apprestiamo a disputare con fiducia i playout. Sul mio passato a Taranto voglio dire che ho incontrato tantissime difficoltà, di tutti i tipi".
    In casa Taranto a parlare è il tecnico CIULLO apparso molto provato e quasi in lacrime: "Chiedo scusa a tutti per questa retrocessione. Anche oggi abbiamo steccato la gara non provando mai a impensierire l'avversario.
    Non abbiamo lottato e questo mi amareggia più di tutto. Vado via domandomi ogni giorno il perché di quell'aggressione dopo che avevamo comunque ottenuto risultati importanti".

     

     

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati