Lunedì, 27 Maggio 2019

    Panarelli: “Gara col Cerignola tutta da scoprire, vorrei giocarla anch’io”

    Mister Luigi Panarelli non carica eccessivamente l’incontro e ritiene importante come le altre la gara di domani con il Cerignola: “L’abbiamo preparata come le precedenti 4 gare. Sarà importante sapere a che punto siamo, sono davvero curioso di vedere di che pasta siamo fatti”.

    Il team foggiano ha ottime qualità: “Affrontiamo una buona squadra composta da elementi anche di categoria superiore, ma noi siamo pronti a giocarcela nel migliore dei modi. Hanno calciatori esterni molto capaci che possono creare superiorità numerica. Conosco Bitetto – aggiunge Panarelli – e penso si sia approcciato a questo incontro rispettando il Taranto”.

    Cerignola-Taranto si preannuncia un match molto interessante: “E’ una gara tutta da scoprire, chiunque vorrebbe giocare questo tipo di partite e non nego che vorrei anch’io poter scendere in campo”.

    Sul calo di tensione del Taranto nel match col Gragnano: “Non parlerei di calo - afferma Panarelli - ci sono dei momenti in cui occorre rifiatare e in quei frangenti dobbiamo evitare di commettere errori, facendo prendere coraggio agli avversari. Disattenzioni degli under? Ho commesso pure io in carriera diverse ingenuità – incalza Panarelli -, non mi va di giudicare o condannare nessuno. I panni sporchi si lavano eventualmente in casa, lavorando sugli errori a livello di squadra. Ribadisco però che se a volte le cose possono andare male, le colpe sono esclusivamente le mie”.

    I rossoblù non sono da ritenere una squadra di ripartenza: “Noi creiamo tante occasioni attraverso la manovra, in queste prime quattro partite ufficiali abbiamo sempre fatto noi la gara, sfruttando spesso anche gli esterni. Palle inattive? Non si ottengono a caso, i corner e le punizioni ce li conquistiamo”.

    Sul momento di Manzo: “Non mi piace parlare dei singoli, ma Manzo è un calciatore fondamentale così come lo sono tutti i giocatori che ho in rosa. Preferisco sempre portare tutti in ritiro perché siamo un gruppo coeso”.

    I risultati positivi permettono di lavorare con più tranquillità: “C’è stata una crescita da parte nostra in autostima – ammette il tecnico rossoblù -. Il nostro premio deve essere assicurarci sempre di essere sereni perché è fondamentale conquistarsi e tenersi stretti la serenità in una piazza come Taranto”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati