Domenica, 18 Novembre 2018

    Verso Taranto-Andria, Massimo: “Posso dare di più”

    Foto Ufficio Stampa Taranto Fc Foto Ufficio Stampa Taranto Fc

    Il centrocampista del Taranto, Emiliano Massimo, è consapevole di non aver ancora dimostrato tutte le sue qualità: “Finora sicuramente non ho giocato al 100%, ma se non riesco ancora a dare di più è solo colpa mia. Remiamo però tutti nella stessa direzione e ho la massima fiducia e stima da parte dei compagni. Continuerò ad impegnarmi per lasciare il segno”.


    Vietato pensare al primo posto attuale: “Sappiamo di essere in testa, ma è l’ultima cosa a cui dobbiamo fare riferimento. Il percorso intrapreso è sicuramente quello giusto, ma la strada è lunghissima ed è troppo presto per parlarne”.
    Sul match con l’Andria: “E’ un derby, ma dovremo affrontare la gara come sempre mettendo in campo grinta e sacrificio. Di fronte - continua Massimo - avremo una buona squadra, ma con umiltà e con la nostra imposizione del gioco cercheremo di vincere”.
    L’ex Cavese può ricoprire più ruoli in mezzo al campo: “Posso giocare da mediano, sulla trequarti o fare la mezzala, ma ribadisco che personalmente c’è soprattutto la volontà di fare bene e dimostrare il mio valore”.
    Il rapporto coi tifosi: “Speriamo di mantenere il feeling con loro, domenica scorsa è stato bellissimo festeggiare insieme ai sostenitori tarantini la vittoria con il Savoia”.
    Occorre essere intelligenti nella gestione delle eventuali difficoltà: “Quando capita a volte di non giocare al meglio per svariati motivi, è importante almeno raccogliere un punticino piuttosto di incassare una sconfitta. Ha ragione mister Panarelli - ammette Massimo - quando dà importanza alla difesa perché chi subisce meno reti alla lunga prevale. Ovviamente noi scendiamo comunque in campo per ottenere sempre i tre punti”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati