Lunedì, 24 Giugno 2019

    Panarelli: “Ci crediamo ancora di più”

    Mister Luigi Panarelli non è soddisfatto del risultato maturato con il Picerno, ma la prova è stata positiva e l’obiettivo promozione resta prioritario: “Ci abbiamo provato in tutte le maniere, anche con diversi sistemi di gioco, ma non ci siamo riusciti. Mi dispiace per non aver regalato una bella soddisfazione ai tifosi, ma se questa è la capolista allora ci crediamo due volte di più di raggiungere la vetta. Siamo consapevoli di aver giocato una grande gara, resta l’amarezza ma sono fiducioso che ce la giocheremo fino alla fine. Abbiamo sempre la voglia e l’atteggiamento giusti, ciò mi dà fiducia perché la squadra non si risparmia mai. Non è semplice digerire questo risultato e capisco l’amarezza dei tifosi – continua Panarelli -,  ma bisogna restare uniti ed andare avanti. Under? Stanno crescendo molto, non è facile esprimersi bene a Taranto ma stanno migliorando sempre più”.

    Il team lucano non ha mai impensierito la retroguardia ionica: “Ha fatto finora  35 reti – afferma l’allenatore tarantino -, quindi penso sia merito nostro se il Picerno non ha creato pericoli. Mancanza di Santaniello ed Esposito? Abbiamo affrontato il Picerno, non dovevamo affrontare i singoli atleti, tra l’altro Esposito è anche subentrato. Forse occorreva maggiore onestà intellettuale da parte di Giacomarro, come accaduto con Lazic”.

    Mercato: “Occorre rinforzare un reparto incompleto, visto che siamo 3 e vorrei lavorare con 4 attaccanti. Abbiamo un profilo per quanto riguarda le caratteristiche, ma non un nome specifico. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni, ma purtroppo a dicembre poche società liberano i propri attaccanti”.

     

    Il difensore rossoblù, Vito Di Bari, non è preoccupato: “La partita l’avete vista tutti, serviva un episodio vincente per avere una gara in discesa. Il campionato è lungo e dobbiamo crederci, da domani ci metteremo sotto perché occorrerà vincere a Pomigliano. Forse siamo stati un po’ troppo frenetici in alcune circostanze, ma tutti abbiamo combattuto e meritavamo un altro risultato; ciò che ci è mancato è stato esclusivamente il gol e la colpa è di tutti, non solo degli attaccanti, perché anche noi difensori avremmo potuto fare di più sulle palle inattive. La nostra squadra è forte e detta sempre legge, l’ambiente ed il gruppo sono belli e speriamo di poter festeggiare tutti insieme”.

    Il terreno di gioco non è in buone condizioni: “E’ impensabile che Taranto abbia un campo del genere, è pesante e si scivola troppo. Non è un alibi per noi, ma sinceramente è l’unica cosa negativa che ho trovato al mio ritorno”.

     

     

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati