Lunedì, 16 Settembre 2019

    Ragno: "Positivi il risultato e il non aver incassato reti"

    Il tecnico del Taranto, Nicola Ragno, analizza così il successo sull'Altamura: "La prestazione non brillante ci sta, era la prima partita ufficiale. In base agli errori commessi si ragiona per migliorarli".

    Il risultato è stato l'aspetto positivo: "Siamo calati fisicamente, loro hanno guadagnato metri ed anche sulle seconde palle non siamo stati attivi. Prendiamo di buono il risultato ed il fatto di non aver preso gol. Sinceramente la Coppa Italia non porta a nulla, ci tenevo però a superare il turno. Concedere tante palle gol agli avversari non e' una mia abitudine".

    Sul modulo: "Siamo partiti con il 3-4-3, con Guaita ed Oggiano scambiabili, poi abbiamo provato altri assetti. Troveremo sempre squadre che si difendono e poi attaccano".

    Per Ragno il campionato rappresenta la priorità: "Domenica inizia il campionato, la nostra avventura principale. Vogliamo puntare al vertice. Siamo una buona squadra, nessuno ci regalerà nulla, avremo davanti 34 esami. Noi dovremo essere protagonisti, l'obiettivo è uno. Per me si tratta di una grandissima sfida e scommessa".

    Ecco quando ammireremo il vero Taranto: "Il miglior Taranto si vedrà 40 giorni dopo l'inizio della preparazione, quindi lo vedremo da fine agosto in poi. Oggi abbiamo sbagliato diversi passaggi, sintomo di stanchezza".

    Capitolo mercato: "Per concludere tutti i ruoli abbiamo bisogno di un esterno over e di un under da affiancare a Ferrara. Cercheremo di trovare i giocatori adatti - prosegue il trainer ionico - durante questa fase di mercato".

    Sulle avversarie: "Taranto, Casarano, Andria, Cerignola, Foggia e Bitonto sono sullo stesso livello. Si nascondono dietro di noi, ma ci sono anche loro nella lotta promozione. Sara' difficile anche salvarsi quest'anno, ci sono tante squadre importanti. Ci saranno sempre sorprese ogni domenica - conclude Ragno -, importante essere equilibrati e lavorare molto".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati