Mercoledì, 22 Gennaio 2020

    Panarelli: “Vittoria dal sapore particolare. Bravi a concretizzare palle gol” In evidenza

    Il Taranto ha iniziato nel migliore dei modi il suo 2020, imponendosi con merito per 2-0 a Brindisi nella prima gara del girone di ritorno. Al termine dell’incontro abbiamo ascoltato il tecnico Luigi Panarelli. Qui di seguito la nostra intervista:


    Qual è stata la chiave del successo?
    “La partita l’avevamo preparata in un altro modo, ma con il vento era difficile giocare palla a terra. Siamo stati bravi a concretizzare le palle gol create. La vittoria è stata meritata. Di fronte avevamo una squadra tosta, reduce da 4 risultati utili consecutivi, e per chiunque sarà difficile vincere a Brindisi. Quello ottenuto è per noi un risultato importante, conquistare il derby ha sempre un sapore particolare”.
    Il Taranto ha utilizzato le armi dell’umiltà e dello spirito di sacrificio per avere la meglio sull’avversario ed è stato anche abile a non subire ancora reti. E’ stata trovata la strada giusta da percorrere?
    “Noi lavoriamo bene allenamento dopo allenamento, ritengo che sia questa la strada giusta. Affrontiamo ogni gara come se fosse l’ultima. Mancano ancora 16 partite, non ci poniamo al momento obiettivi a lungo termine”.

    E’ soddisfatto delle operazioni di mercato?
    “Su questo argomento non parlo, c’è un direttore sportivo al lavoro. Mi concentro esclusivamente sul calcio giocato”.

    Che tipo di partita si aspetta domenica prossima con il Casarano?
    “Giocheremo contro una squadra tosta ed importante che ha un allenatore di spessore. Sarà per noi un’altra battaglia da affrontare”.

     

    Le dichiarazioni di Genchi
    “Sul loro rinvio sbagliato ne ho ho approfittato. Il gol è stato importante, poi siamo stati bravi ed equilibrati a chiudere la partita. Siamo comunque consapevoli di non aver fatto nulla ancora. Il mio 2019 è stato disastroso, volevo iniziare bene il 2020 e a livello lavorativo è cominciato benissimo. Con umiltà possiamo andare avanti. La squadra è forte, ci sono giocatori importanti. Classifica? Non bisogna guardarla – aggiunge l’attaccante rossoblù -. Tifosi? Sono venuti anche qui, quindi ci tengono alle sorti della squadra. Se ci avvicineremo alla vetta, la gente tornerà allo stadio”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati