Mercoledì, 28 Ottobre 2020

    Laterza: “Temevo questa partita, bravi nel secondo tempo a riorganizzarci”

    Al termine del successo esterno ai danni della Puteolana, queste le dichiarazioni post-gara del tecnico del Taranto, Giuseppe Laterza: “Era una partita difficilissima, lo sapevamo, infatti la temevo. Ci siamo fatti trovati pronti, abbiamo avuto un buon approccio. Dopo il gol ci siamo complicati la vita e abbiamo perso la tranquillità. Poi però ci siamo ricompattati nel secondo tempo e c’è stata una gestione più serena. Ora ci godiamo questa vittoria”.

    Sull’assetto tattico modificato: “Abbiamo cambiato modulo, un 4-4-2 che in fase di possesso era 4-2-4. Con questo assetto bisogna sacrificarsi, accorciare le distanze, non restare aperti. C’è stato un errore nel gol subito, non dovevamo lasciare troppo campo a loro. Quindi, nel primo tempo l’atteggiamento non mi è piaciuto, poi c’è stato un buon inizio ripresa”.

    Sui singoli: “Stracqualursi e Alfageme sono giocatori importanti. Il primo deve migliorare sotto il profilo fisico, sta lavorando tanto. Alfageme spacca le partite, dà di più nella profondità e nella qualità delle giocate ed ha l’atteggiamento giusto per affrontare le partite”.

    Sulla prossima gara: “Il Sorrento oggi ha vinto, sfideremo una squadra importante. Sarà un’altra bella partita”.

     

    Le parole dell’allenatore dei campani, Luca De Martino: “Noi abbiamo fatto di tutto per non commettere falli ingenui. Loro hanno giocatori di grande qualità, eravamo consapevoli che su palla inattiva potevamo soffrire. La mia squadra è però viva, ha cuore e vuole fare tanto. Non ho visto un assedio del Taranto, anche se abbiamo massimo rispetto per squadra e città. Sono contentissimo ed orgoglioso, oggi giocavamo pure noi in trasferta. Bisogna fare di tutto per tornare a casa, sperando che riaprano presto il nostro stadio. Il Taranto? Farà bene quest’anno, ha una rosa importante, un grande direttore sportivo ed un allenatore di categoria superiore”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati