Domenica, 17 Novembre 2019

    TARANTO-BISCEGLIE 1-1: Le dichiarazioni post-partita

    By Angelo Leone Settembre 29, 2014

    E’ la seconda volta consecutiva che appena entra in campo Antonio Gaeta il Taranto va in gol. Stavolta è stato proprio lui, bomber in fase di recupero atletico, a timbrare la rete  del momentaneo vantaggio contro il Bisceglie .

     

    Che tipo di gioia hai provato segnando al primo pallone ricevuto?

    Una gioia doppia perché ho fatto gol sotto la curva dei nostri impagabili tifosi.

     Come stai? Saresti pronto per giocare dall’inizio della partita ?  

    Fisicamente sto lavorando bene ma non sono ancora al cento per cento. Spero di mettermi al  livello dei miei compagni il più presto possibile. Però se il mister mi gettasse nella mischia dal primo minuto, non mi tirerei indietro 

    Quando sei subentrato avevi il compito di fare da seconda punta?

    No, sono entrato da trequartista per sfruttare meglio la possibilità di incunearmi palla al piede creando spazi per gli inserimenti ma sul calcio piazzato di Mignogna dovevo essere necessariamente là su quella palla così invitante.

    Cosa è mancato al Taranto in questa partita? Non avete giocato proprio al massimo

    Noi abbiamo tirato molto di più in porta ed il loro portiere ha fatto belle parate mentre il nostro portiere ha fatto un solo intervento serio nei minuti finali. Ci è mancata soprattutto un pò di fortuna da questo punto di vista.  Forse ci siamo abbassati un po’ troppo nel primo tempo ma dall’altra parte c’era una signora squadra che sarà protagonista di un ottimo campionato

     

    Marino : abbiamo regalato il pareggio ma meritavamo di vincere

    Marino, difensore centrale del Taranto, è stato eletto ancora una volta il miglior giocatore in campo da tutti i giornalisti presenti e a lui chiediamo la dinamica che ha portato al pareggio del Bisceglie, frutto di un errore collettivo della difesa. 

    Sicuramente abbiamo subìto un gol ingenuo con una palla ballerina che in quattro non abbiamo valutato a dovere: sono saltati movimenti e scali di marcatura e zotti si è ritrovato tutto solo andando ad azzeccare un pallonetto che è difficile da trovare. Forse Zotti non voleva neanche piazzarla lì quella palla . A parte questo il risultato mi è apparso ingiusto per quanto abbiamo fatto perché loro hanno segnato nel nostro migliore momento . 

    Tranne quell’errore avete ancora una volta mostrato di essere una difesa solidissima. Tu e Pambianchi in particolare sembrate giocare da anni insieme 

    Confermo, con i miei compagni siamo affiatatissimi ma anche quando gioca Prosperi ci troviamo ad occhi chiusi; in questo reparto abbiamo ottimi giocatori.

    Nel finale di partita però ci e’ sembrato che siate stati in apprensione.

    Sì, loro ci hanno attaccato galvanizzati dal pareggio ma tutto sommato siamo stati bravi a non farli tirare granchè verso la porta di Mi-rarco; non ricordo grossi pericoli per la nostra porta tranne il colpo di testa a fine partita di Gallaccio sul quale è stato eccezionale il nostro portiere

     

    De Luca, mister del Bisceglie: potevamo portarci i tre punti ma complimenti al Taranto

    Lo scorso anno fu protagonista di un ottimo torneo alla guida del  Monopoli; il più giovane tecnico delle prime quattro serie calcistiche italiane ha soltanto 34 anni ma un presente ed un futuro da grande del calcio. Complimenti mister De Luca; il suo Bisceglie ha messo in mostra un gran bel gioco ma forse non e’ molto soddisfatto del punto preso oggi.

    Certo, i miei ragazzi sono stati bravissimi con un buon approccio alla partita tenendo in difficoltà di manovra il Taranto che ha subìto nel primo tempo il nostro efficace giro palla . Peccato che non abbiamo concluso in rapporto a quanto abbiamo prodotto in fatto di quantità e qualità di gioco, ma sono soddisfatto della squadra. Questo Bisceglie è stato costruito sulla base di quattro giocatori dello scorso anno e cerchiamo di creare una mentalità vincente attraverso un gioco pratico e di stampo offensivo

    Un Bisceglie bello per un tempo ma meno appariscente nella seconda parte del match: come mai?

    Beh, non dimenticate che giocavamo contro il Taranto che mi è sembrata una buona squadra destinata a crescere tanto nel tempo; in effetti nella ripresa ci siamo un po’ schiacciati dopo l’ingresso di una punta in più come Gaeta e loro hanno fatto gol. Ma progressivamente abbiamo cercato di riproporci anche dopo il gol subìto senza riuscirci perché il Taranto aveva alzato i ritmi.

    Nel finale avete protestato vivacemente con l’arbitro; per quale motivo?

    Abbiamo protestato per il colpo di testa di Gallaccio che sembrava dentro la linea di porta  dalla nostra visuale.

    In definitiva lo reputa un pareggio giusto?

    Devo dire che ce la siamo giocata entrambe per vincerla questa partita e dunque il pari è giusto. Il mio rammarico è che potevamo evitare di prendere il gol su palla inattiva e dovevamo mantenere meglio le distanze tra i reparti nella ripresa

    Cosa le è sembrato del Taranto?

    Faccio i miei complimenti al Taranto che, pur partito in ritardo, ha mostrato di avere un’ ottimo organico che ha solo bisogno di tempo per esprimersi al massimo.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati