Lunedì, 16 Settembre 2019

    PRESENTATO DANIELE BORRA, PORTIERE UNDER: ULTIMO ARRIVO…PRIMO PORTIERE ?

    Il Taranto , attraverso il ds Montervino , ha presentato questa mattina alla stampa il nuovo arrivo Daniele Borra, classe 95, portiere di proprietà dell’Entella ma quest’anno in forza alla Lucchese in Lega Pro quale secondo portiere.

     

    In apertura di discorso  Montervino ha sottolineato il fatto che ,con l’arrivo di Borra, il Taranto può considerarsi  una squadra dalla rosa al completo:

    Ora siamo a posto, anche se ci potrebbe essere ancora l’arrivo di un ultimo under se il mercato ci darà occasione di un elemento valido. Con l’arrivo di Borra  avremo entrambi i portieri under  per facilitare il lavoro del mister che intende giocare con più over possibili in mediana ed in attacco e cercheremo un ‘adeguata sistemazione al bravissimo Maraglino che è elemento che per il suo valore merita di giocare con continuità . Borra era già un nostro obiettivo in estate ,poi non se ne fece più nulla perché  il ragazzo aveva delle chiamate dalla Lega Pro.

    Daniele Borra si presenta già all’aspetto un calciatore notevole per fisicità dall’alto del suo metro e 93 per 82 chili di peso. Scontato chiedergli se è contento di venire a Taranto e se punta a giocare da titolare nonostante la presenza del più esperto  Mirarco.

    Avrei dovuto venire a Taranto  l’estate scorsa ma , avendo ricevuto un’opportunita’ dalla Lega Pro, ho provato a giocarmi questa carta. Mi attira il progetto del Taranto e mi esalta la piazza per il calore che c’e’ attorno a questa squadra. Come portiere penso di cavarmela bene tra i pali ma non sono disprezzabile nelle uscite

    Su di te c’era stato l’interessamento di alcuni club di massima serie pochi mesi fa: come mai hai accettato di scendere così tanto di categoria?

    Probabilmente c’e’ stata una grande attenzione su di me per via del torneo di Viareggio che ho giocato a febbraio scorso con la maglia del Verona, con cui ero tesserato la passata stagione. In  quel “Viareggio” parai due rigori nella fase finale e, in generale, giocai delle buone partite ma non mi sono mai illuso e comunque per me la D non è un declassamento in una piazza importante come Taranto.

    Quindi punti al ruolo di titolare in questo tuo anno di prestito in riva allo Jonio?

    Assolutamente no; con Mirarco parto alla pari e spero , col tempo, di attirare le attenzioni del mister per poter meritare la maglia numero uno. Sono carico di motivazioni ma non sono convinto di giocare per forza.

     Sul nuovo giovane arrivo in casa rossoblù si sprecano i pareri positivi nell’ambiente calcistico: si tratta di un portiere che fa della prorompente fisicità il suo forte . Già dotato di buona personalità nel dirigere la difesa chiamando i compagni nelle fasi di gioco a prendere posizione, ha forza ed ha facilità nelle uscite avvalendosi della sua notevole altezza e di buona agilità nei movimenti .Rispetto a Mirarco , che ha già tre campionati di serie D sulle spalle,  ha poca esperienza ma , a detta di esperti del campo, maggiore possibilità di fare una carriera a più alti livelli. D’altronde non sarebbe logico che l’Entella, sua società di appartenza, lo abbia dirottato a Taranto spostandolo dalla Lucchese , dove era secondo portiere in Lega Pro, per vederlo in panchina a Taranto in quinta serie. Dunque, accogliamo questo giovane atleta con positività aspettando di vederlo al più presto al suo debutto con la maglia rossoblù, per un Taranto che dai giovani si attende un gran campionato per spingere gli “over” verso la conquista del traguardo Lega Pro.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati