Domenica, 22 Settembre 2019

    L’ESONERO DI MISTER FAVO VISTO DAGLI ORGANI D’INFORMAZIONE (prima parte)

    Mentre il nuovo allenatore Battistini è già al lavoro, abbiamo lanciato un sondaggio tra gli addetti ai lavori dell’informazione per provare a capire cosa ha portato all’esonero di mister Favo a distanza di pochi giorni dall’affollatissima conferenza stampa nella quale il presidente Campitiello aveva blindato fino a fine campionato il tecnico campano.

     

    Abbiamo chiesto se l’esonero e’ dovuto a motivi solo tecnici o anche di non idonea gestione di spogliatoio, rapporti con la tifoseria e con i mezzi d’informazione e quali vantaggi potrebbe portare l’aver cambiato tecnico in questo momento. Queste le risposte degli intervistati:

    Dante Sebastio (Blunote) : “Credo che l’esonero sia maturato soprattutto per motivi tecnici ma anche per un rapporto di recente non idilliaco tra Favo e il presidente Campitiello. Probabilmente il tecnico avrebbe potuto chiudere prima la sua parentesi  tarantina ma il ds Montervino ha fatto da collante finché ha potuto. Paradossalmente il Taranto ha subito un ‘involuzione rispetto alle prime settimane in cui, ancora incompleto, sorprendeva per fluidità di gioco e risultati. Ma, dopo la batosta di Andria e dopo un mercato chiuso con cinque buoni rinforzi , i problemi hanno superato gli aspetti positivi: continui cambi hanno impedito alla squadra di avere una propria identità e così, dopo lo stop di Cava e certe dichiarazioni di Favo fuori luogo contro la stampa, la società ha detto stop. Il nuovo allenatore Battistini porta la sua esperienza di tecnico vincente ed è stato subito chiaro nel capire gli intenti della società dicendo : “In  D devi solo vincere..il bel gioco conta poco” . E nella ricerca forzata del bel gioco non sempre supportato da successi mister Favo ha fatto harakiri.

    Luigi Carrieri ( La Gazzetta dello Sport) : “La ritengo una decisione esclusiva del presidente Campitiello per motivi prevalentemente tecnici. Il patron ritiene che il Taranto rafforzato dal mercato di dicembre non possa stare a 14 punti di distanza dall’Andria e così ha accelerato i tempi. Mister Battistini , oltre a stimolare tutta la rosa per ricomporre le gerarchie di merito, può portare un rinnovato entusiasmo avendo alle spalle un curriculum da vincente in una piazza non facile e gloriosa come quella di Perugia.

    Enrico Losito (Jonica TV ) : “ Credo che Favo sia stato esonerato non solo per via dei risultati ma anche per un rapporto che negli ultimi tempi sembrava si fosse  incrinato con il presidente Campitiello, pronto a bacchettare il tecnico di recente con un comunicato stampa. Mister Battistini di sicuro porterà una ventata di entusiasmo perché il cambio di allenatore rappresenta una ripartenza e certe gerarchie vengono azzerate. Ora tutti i calciatori ripartiranno dallo stesso livello per la conquista di una maglia da titolare. “

    Leo Spalluto ( Dir. Corriere di Taranto.it) : “L'aspetto più positivo del lavoro di Favo è stato rappresentato dalla capacità di isolare il gruppo da critiche e tensioni esterne anche nei momenti più difficili. Con i suoi comportamenti da "duro", spesso respingenti ha assunto il ruolo di autentico parafulmine. Al contempo però la delusione più grande ,che ha portato probabilmente la società al suo esonero, è stata il vedere la qualità del gioco della squadra subire una continua involuzione e anche delle scelte di formazione dell’ultimo periodo che hanno spesso lasciato a desiderare. Il nuovo mister  Battistini può portare tanto alla causa : soprattutto il bel gioco e la capacità di ricostruire il necessario feeling con l’ambiente.”

    Come si può constatare da queste prime dichiarazioni c’e’ unità di pareri sulla parentesi calcistica di mister Favo a Taranto. Molti meriti ma anche qualche errore non solo di carattere tecnico che è costato il suo esonero.  Continuate a seguirci perché domani pubblicheremo i pareri  di altri autorevoli operatori della stampa scritta e del web sull’esonero di mister Favo.

    Vota questo articolo
    (2 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati