Domenica, 08 Dicembre 2019

    Taranto caricatissimo per battere il Brindisi

    L’iniziativa denominata “Taranto grande amore” promossa per tutta la settimana dalla società per creare calore attorno alla squadra in vista del derby contro il Brindisi  ha visto una delegazione del Taranto composta da mister Battistini, Marino, Pambianchi, Porcino, Genchi e dal ds Montervino, dialogare ieri pomeriggio presso il Taranto Point di Corso Piemonte con tifosi e giornalisti. Per l’occasione , il titolare del punto vendita Marco Cascarano ha fatto dono attraverso un’estrazione tra tutti i tifosi presenti, di cinque biglietti di curva.

     

    Attraverso foto con i propri beniamini e scambi di battute si è creata una grande armonia che si accompagna alla grande determinazione con la quale la squadra intende scendere in campo domenica per cercare una vittoria da dedicare alla memoria di Erasmo Iacovone di cui ricorre il trentasettesimo anniversario della scomparsa.

    Particolarmente carico è Francesco Pambianchi , incaricato di tenere a bada l’ex pupillo rossoblù Molinari.

    “E’ un grande attaccante che ho avuto modo di studiare e che sa sfruttare il minimo errore di un difensore. Non lo temo, ne ho grande rispetto e sono pronto a non dargli tregua. Vogliamo vincere questo derby contro un Brindisi che è squadra fortissima e che ci regala stimoli particolari. Poi vogliamo dedicare la vittoria alla memoria di Iacovone e fare un grosso regalo anche ai tifosi che se lo meritano, ragion per cui non possiamo e non vogliamo sbagliare.

    Antonio Porcino crede che la sosta di 21 giorni dall’ultima partita giocata dal Brindisi non crei problemi ai biancazzurri , costretti a rinviare il match clou contro l’Andria che avrebbe dovuto disputarsi mercoledì scorso.

    La sosta conta poco per una squadra forte come il Brindisi che vanta anche ottime individualità e che, anzi, arriva al derby più riposato rispetto a noi. Noi vogliamo fare una partita d’attacco come sempre, non vogliamo difenderci e vogliamo assolutamente vincere.

    Ci piacerebbe sapere se il giovane talento di proprietà della Reggina sarà confermato a centrocampo come domenica scorsa a Bisceglie, sfruttando così al massimo le sue qualità di incursore di fascia.

    Non so cosa abbia deciso il mister: per me va bene qualsiasi ruolo perché comunque do sempre il massimo e farò lo stesso contro il Brindisi. Non vedo l’ora di giocare questo derby perché so che ci sarà un pubblico numeroso che vogliamo rendere felice con una bella vittoria.”

    Il tecnico del Taranto Battistini sente molto questa vigilia di derby: gli chiediamo se ha più tensione o più voglia di scendere in campo

    Ho voglia di giocare subito questa partita perché  sappiamo che tantissimi tifosi in più verranno a vederci: la società ha anche creato un’atmosfera di grande compattezza e curiosità con le tante iniziative partite questa settimana e noi ci sentiamo responsabilizzati per offrire ai nostri tifosi una grande  prestazione. I ragazzi hanno lavorato molto bene, abbiamo fatto un paio di allenamenti in particolare di grosso spessore ed   ho l’imbarazzo della scelta, avendo tutti disponibili ; finalmente stiamo recuperando Ciarcià e Mignogna che, anche se non ancora al cento per cento, possono garantirci nuove soluzioni offensive e sono certo che ci daranno un grosso contributo. Intanto dobbiamo cercare di cambiare passo e cambiare una mentalità che deve essere ancora più aperta e in alcuni momenti più offensiva.

    Impresa non facile contro un Brindisi che a sua volta è votato all’offensiva e del quale Battistini  conosce i pregi sia a livello di collettivo che di capacità del suo tecnico

    Il Brindisi mi ha impressionato per organizzazione di gioco, generosità  ed  individualità di spicco ma bisogna vedere gli effetti che avrà avuto su di loro la sosta di oltre due settimane. Sta a noi trovare subito un buon ritmo e cercare questa vittoria che a noi serve per rinsaldare il morale e disputare un ottimo finale di campionato.

    Resta nell’ambiente una sorta di timore che tutta la carica di energia positiva che si sta creando attorno al Taranto, non porti troppa ansia da prestazione alla squadra: ma anche su questo argomento mister Battistini ha trovato l’antidoto giusto coi suoi uomini.

    Ho detto  ai ragazzi che questi sono momenti che abbiamo la fortuna di vivere in queste categorie ; poiché non succedono spesso, vanno vissuti con la giusta tensione   apprezzandoli e gustandoli. Noi vogliamo divertirci e regalare una bella domenica a noi stessi, alla società che ci sta molto vicina e a chi verrà allo stadio a vederci.

    Intanto resta top secret la formazione che affronterà il Brindisi allo Iacovone anche se il mister lascia la porta aperta a qualche novità non necessariamente dall’avvio.

    Abbiamo studiato qualcosa in settimana ma devo pensare se sfruttare subito queste carte o giocarmele a partita iniziata. Il modulo non sarà vincolante e rappresenta solo una fotografia iniziale della partita; poi ho quindici “over” di grande valore che mi invogliano a provare svariate soluzioni. Fermo restando che chi inizierà in panchina ha lo stesso rispetto di chi partirà dall’inizio; in campo partiranno coloro che più mi sono apparsi in forma in questa settimana di lavoro. 

    Dunque, si respira aria di rivincita e smania di vittoria tra i rossoblù: una carica che non da meno verrà fornita dallo scendere in campo portando con sé la storica maglia indossata da Erasmo Iacovone per un momento che sarà di grande emozione per tutto il pubblico presente e di sprone per i giocatori nel dedicare una grande vittoria all’indimenticabile “Iaco-gol”.                 

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati