Image

Contrasto alla pesca illegale: i numeri della Capitaneria di Porto di Taranto

Si è conclusa in data odierna l’operazione complessa di controllo pesca “SpINNaker” (INN, acronimo di Pesca Illegale Non dichiarata e Non regolamenta), svoltasi in questi primi mesi del 2024 su tutto il territorio nazionale, che ha visto in campo donne e uomini della Guardia Costiera impegnati in controlli sulla filiera ittica, sia a terra che in mare.


L’obiettivo principale è stato quello di prevenire, individuare e contrastare qualunque forma di illegalità che possa pregiudicare in maniera significativa gli stock ittici e alterare il principio di leale concorrenza sul mercato a causa di comportamenti disonesti, che possano indebolire anche la capacità del cittadino di autodeterminarsi correttamente nella scelta del prodotto ittico.
Massima attenzione è stata rivolta al contrasto della pesca illecita del c.d. “bianchetto” (o “novellame di pesce azzurro”), che in questo periodo dell’anno viene inesorabilmente perpetrata lungo tutta la costa jonica da parte di persone senza scrupoli.
Questi i dati fatti registrare dagli uomini della Capitaneria di Porto di Taranto, che si ricorda operano lungo tutto il litorale che va dal Comune di Nova Siri (MT) a quello di Manduria, con l’ausilio del personale in servizio presso i dipendenti Uffici Locali Marittimi di Maruggio e Policoro:
60 controlli complessivi effettuati;
20 ispezioni agli esercizi commerciali;
9 illeciti amministrativi contestati;
6 attrezzi da pesca sequestrati, (reti da pesca non autorizzate e/o conformi, per una lunghezza complessiva oltre il chilometro);
12.000 euro per sanzioni pecuniarie contestate;
300 Kg. di prodotto ittico sequestrato.
I controlli continueranno incessanti per la tutela dei cittadini e per la salvaguardia del bene mare.

Pecoraro Hair Beauty
Pecoraro Hair Beauty
Pecoraro Hair Beauty
Autogamma
Autogamma
Autogamma
Franky
Brace e Sapori
G-tek s.r.l.
CM-TS S.R.L.
MAD. S.R.L.
BUILD ENGINEERING
STONEG S.R.L.
Flaminia