Domenica, 02 Ottobre 2022

    Tenta il suicidio minacciando di far esplodere un ordigno davanti a palazzo di città. Denunciato un tarantino In evidenza

    In piena notte, gli operatori della nostra Sala Operativa 113 hanno ricevuto la telefonata di un uomo che, in maniera alquanto agitata, li avvertiva di aver scavalcato la ringhiera del marciapiede di Corso Vittorio Emanuele di fronte al Palazzo di Città con la ferma intenzione di volersi suicidare.


    L’uomo, un tarantino di 32 anni, lamentava grosse difficoltà nel sostentamento della sua famiglia e chiedeva disperatamente l’intervento del Sindaco per l’assegnazione di un posto di lavoro.
    Il 32enne, nel lungo e paziente colloquio telefonico con i poliziotti, aveva anche comunicato di aver parcheggiato la sua Fiat Punto davanti l’entrata del Palazzo Comunale e che al suo interno aveva posizionato un ordigno radiocomandato, minacciando di farlo esplodere.
    Gli equipaggi della Sezione Volanti presenti sul territorio sono stati fatti confluire in Piazza Castello per accertare la veridicità di quanto dichiarato dall’uomo.
    Gli agenti hanno constatato che l’uomo era in bilico al di fuori della ringhiera, con i piedi poggiati in maniera precaria su una piccola piattaforma di cemento e con le braccia intorno ad un palo.
    Considerata l’estrema pericolosità della situazione i poliziotti, nonostante le minacce di far esplodere l’auto, hanno iniziato una paziente conversazione al fine di farlo desistere dai suoi insani intenti.
    Il colloquio è durato circa un paio d’ore durante il quale, gli agenti sono riusciti a fargli svuotare le tasche del pantalone, recuperando in tal modo anche le chiavi dell’autovettura.
    Durante la paziente opera di persuasione, l’Artificiere della Polizia di Stato ha ispezionato l’abitacolo della vettura, constatando che fortunatamente non era presente nessun manufatto esplosivo.
    La lunga trattativa ha avuto il suo epilogo quando i poliziotti, approfittando di un attimo di distrazione, hanno afferrato all’unisono i polsi, le gambe ed il busto, riuscendo a portarlo in salvo con non poche difficoltà.
    Dopo qualche ennesimo concitato momento, il 32enne è stato assistito dai sanitari del 118 e, dopo essersi sdraiato all’interno dell’ambulanza, è scoppiato in una crisi di pianto, ringraziando i poliziotti per avergli salvato la vita.
    L’uomo è stato accompagnato presso il Pronto Soccorso del SS. Annunziata per gli ulteriori accertamenti clinici.
    Per i fatti accaduti quest’ultimo è stato denunciato perché ritenuto presunto responsabile del reato di procurato allarme.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati