Domenica, 14 Agosto 2022

    Orchestra Magna Grecia: un tramonto da standing ovation In evidenza

    «Dirigere per la prima volta l’Orchestra della Magna Grecia è stata un’emozione indescrivibile, fino a questa sera l’avevo sempre seguita e ascoltata con grande ammirazione: dirigerla in occasione di un evento – lasciatemi passare il termine – “caloroso”, ritengo sia stata un’esperienza emozionante».

    Questa una prima dichiarazione a fine concerto del Maestro Giuseppe La Malfa, direttore dell’Orchestra della Magna Grecia venerdì sera allo Yachting club. Spiega con grande semplicità sentimenti e gioia per una serata straordinaria, giocata al tramonto, come spesso accade nel cartellone del Magna Grecia Festival. Insieme con La Malfa, il soprano Francesca Manzo e il tenore Gustavo Castillo che hanno raccolto grandi applausi nei momenti solistici e nei duetti.
    In programma Overture Le nozze di Figaro e Cinque, dieci, venti di Mozart; Overture Don Pasquale e Pronta io son di Donizetti; Overture Carmen, Je dis que m’épouvante e Votre toast di Bizet; Duetto Nedda-Silvio da Pagliacci di Leoncavallo; Intermezzo da Manon Lescaut, Donde lieta uscì da Boheme e Questo amor vergogna mia da Edgard di Puccini. E ancora, Musica proibita di Gastaldon. Infine un bis al termine del quale il pubblico ha tributato una standing ovation per i protagonisti di una serata di grandi emozioni: Tu che m’hai preso il cuor (Lehar) e Non ti scordar di me (Ernesto De Curtis); infine un medley napoletano arrangiato dal Maestro Valter Sivilotti: I te vurria vasà (Di Capua), Tu ca nun chiagne (De Curtis), Torna a Surriento (De Curtis) e ‘O sole mio (Di Capua).
    «Esperienza emozionante – ha ripreso La Malfa – perché i professori hanno risposto ad ogni mio invito, ogni mio segnale, come se facessimo squadra da anni, senza dimenticare elementi di spicco, talenti eccezionali come la Manzo e Castillo». Un’anticipazione. «Trovo sia una grande soddisfazione curare la preparazione dell’Orchestra giovanile della Magna Grecia – Città di Taranto: non nascondo di aver notato potenzialità enormi. Il percorso che stanno intraprendendo i ragazzi è degno di nota, bello far crescere nuovi talenti e inserirli in un contesto professionale facendo loro eseguire loro pagine importanti della letteratura classica e sinfonica, come il “Falstaff” in programmazione giovedì 4 agosto nell’Arena Peripato di Taranto sempre all’interno del Magna Grecia Festival».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    almat.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati