Sabato, 03 Dicembre 2022

    Vittoria di rigore per il Taranto contro il Foggia. Decide il derby Infantino

    Foto Max Todaro Foto Max Todaro

    Basta un rigore di Infantino al Taranto per battere il Foggia nel derby giocato davanti a pochi intimi e mettere in cassaforte tre punti d’oro che lo rilanciano in classifica.

    Capuano conferma il 3-5-1-1 ma rivede l’undici di partenza: in difesa c’è Evangelisti per Vona; a centrocampo De Maria agisce da mezzala; davanti Tommasini è preferito a Infantino. Inizia dalla panchina Raicevic, assente per squalifica Chapi Romano. Il Foggia 4-3-1-2 con Schenetti a ridosso delle due punte. Taranto subito all’attacco e già al 3’ ci prova Tommasini, Nobile respinge, Romano non riesce a ribadire in rete. Al 4’ bella iniziativa di Labriola che spara su Nobile da dentro l’area. La risposta del Foggia al minuto 8 con Schenetti il cui rasoterra costringe Vannucchi alla parata di piede. Il Foggia cresce e al 19’ sfiora il vantaggio con D’Ursi da pochi passi, Vannucchi si supera e mette in angolo. Si fa male Tommasini, costretto ad abbandonare il campo, al suo posto entra Infantino. Al 33’ brivido per i rossoblù con la traversa centrata da Schenetti in contropiede. 1’ dopo l’episodio chiave per il Taranto che ottiene un rigore per atterramento di Romano strattonato da Malomo (espulso). Dal dischetto (37’) trasforma Infantino con freddezza per l’1-0 rossoblù. Foggia in dieci e Papazov rileva Odjer ma è il Taranto a mancare il bis con Infantino (44’) che conclude a lato. Nella ripresa, il Taranto prova a gestire il vantaggio e le iniziative del Foggia che seppur in inferiorità si propone spesso e volentieri alla ricerca del pari. Due cambi al 13’: nel Taranto entra Mazza (fuori Labriola), nel Foggia c’e Ogunseye per D’Ursi. La sfida non decolla e di occasioni non se ne annotano. Al 33’ il Taranto rischia di complicarsi la vita: cross di Costa, Ferrara spinge Vuthaj e l’arbitro assegna il penalty. Si accende un parapiglia e Costa viene espulso (Foggia in nove). Vuthaj dagli undici metri si fa parare il tiro dall’ottimo Vannucchi. Con la doppia superiorità, Capuano sguinzaglia anche Raicevic (all’esordio) e La Monica in un finale in cui il Taranto amministra il prezioso vantaggio festeggiando il secondo successo in campionato.

     

    TARANTO-FOGGIA 1-0
    TARANTO (3-5-1-1): Vannucchi; Evangelisti, Antonini, Manetta; Mastromonaco, Romano, Labriola (13’ st Mazza), De Maria, Ferrara; Guida (38’st La Monica); Tommasini (22’ st Infantino, 38’st Raicevic). A disp.: Russo, Granata, Panattoni, Raicevic, Vona. All. Capuano.
    FOGGIA (4-3-1-2): Nobile; Garattoni (40’ st Nicolao), Sciacca, Malomo, Costa; Odjer (39’ pt Papazov), Petermann, Di Noia (40’ st Frigerio); Schenetti; Vuthaj, D’Ursi (Ogunseye). A disp.: Raccichini, Illuzzi, Chierico, Peralta, Leo, Peschetola, Iacoponi, Tonin. All. Gentile.
    ARBITRO: Paride Tremolada di Monza. Assistenti: Lorenzo Giuggioli di Grosseto e Matteo Pressato di Latina. Quarto ufficiale: Giuseppe Rispoli di Locri.
    MARCATORI: 37’ pt Infantino (T) rig.
    NOTE: spettatori 1100 circa (200 provenienti da Foggia). Ammoniti: Petermann (F), Garattoni (F), De Maria (T), Schenetti (F), Papazov (F), Sciacca (F), Costa (F). Espulsi Malomo (F) al 35’ pt e Costa (F) al 35’ st.
    Angoli: 7-2 per il Foggia. Rec.: 3’ pt; 4’ st.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    pecorarh.jpg
    natur4.jpg
    ermese2.jpg
    autogammasud.jpg
    franky_2.jpg
    gteck_wall.jpg
    mad-srl.png
    cmts_new3.jpg
    buld_sc.jpg
    stoneg.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati